X


Festival di Sanremo 2012: apertura di serata finale al bacio

Scritto da , il Febbraio 18, 2012 , in Festival di Sanremo Tag:
Daniel Ezralow

text-align: center”>Daniel EzralowSEGUI CON NOI LA DIRETTA DELLA FINALE DEL FESTIVAL

Finalmente è iniziata la finale del sessantaduesimo Festival di Sanremo, festival bersagliato dalle polemiche sul quale ne sono state dette di tutti i colori. Per riportare l’armonia sul palco del teatro l’Ariston il coreografo Daniel Ezralow ha deciso di iniziare la serata non con una delle performance alle quali ci ha abituati nel corso di queste cinque serate ma con un inno all’amore. Con gran sorpresa di tutti, il Festival è iniziato con un tripudio di baci sulle note di “All you need is love” dei Beatles. Lo stesso Ezralow ha coordinato il tutto come se fosse un direttore d’orchestra, un coreografo dell’amore che vince sulla guerra e riporta la pace. I ballerini non erano gli unici in scena, anzi, hanno rivestito un ruolo quasi marginale limitandosi ad aprire la coreografia che di ballato aveva ben poco. Sul palco hanno iniziato ad avvicendarsi coppie di gente normale che si sono scambiati dei baci veri, passionali, baci d’amore che hanno veramente stupito il pubblico. Dopo aver visto il bacio tra Gianni Morandi e Luca Bizzarri non ci saremmo stupiti se tra le coppie ci fosse stata anche una coppia gay ma forse per evitare altre polemiche hanno preferito limitarsi all’amore “tradizionale”, anche se non ci sarebbe stato nulla di male perché anche quello omosessuale è amore. L’amore è sempre amore.

[imagebrowser id=859]

Suggestiva la scena finale, dove i ballerini sono entrati in scena avvolti in grandi bandiere della pace che hanno poi adagiato sul palco e proprio su quel tappeto d’amore hanno composto con i loro corpi la parola “Love”.

Un bell’inizio di puntata ed un bel messaggio quello lanciato dal coreografo che stavolta ha deciso di abbandonare il suo genere tradizionale per stupirci con una coreografia recitata che ricordava le performance di Pina Bausch.

Il protagonista indiscusso è stato quindi quello che fa palpitare e sospirare gli innamorati: d’altronde il festival è iniziato proprio il giorno di San Valentino ed era giusto chiuderlo in nome di Cupido.