X


Gabriele Paolini contro Silvio Berlusconi e Bruno Vespa. VIDEO ESCLUSIVO!

Scritto da , il Febbraio 18, 2012 , in Personaggi Tv Tag:
Gabriele Paolini disturbatore tv

Gabriele Paolini torna a colpire. Vi ricordate quando anni addietro aveva promesso che non avrebbe più disturbato i giornalisti? Parole al vento. Alle parole non sono seguiti i fatti. Paolini ha continuato indisturbato a rendere difficili i collegamenti dei giornalisti sia della tv di stato che di Mediaset. La più colpita nelle ultime settimane è stata la giornalista del TG1 Valentina Bisti che ha seguito l’emergenza neve e maltempo a Roma, dal Colosseo e dal Circo Massimo. Paolini c’era e assieme a lui stavolta è apparso anche un altro disturbatore, di origini non italiane e piuttosto grassottello che dicono possa essere il “cugino di Paolini”. Valentina Bisti quindi è stata costretta ad annullare il collegamento (Paolini ha anche detto che il tecnico Rai gli avrebbe messo le mani addosso, ndr) e la Rai ha pensato bene di installare un postazione video rialzata così che Paolini non possa più continuare con le sue performance.

Il disturbatore televisivo per eccellenza è anche intervenuto a Rai News instaurando, in quel caso, un simpatico dialogo con il giornalista Rai. Ma non è finita qui: dopo il salto un video esclusivo dove Gabriele Paolini attacca l’ex Premier Silvio Berlusconi e il conduttore di “Porta a Porta” Bruno Vespa..

[imagebrowser id=874]

La location è quella delle dimissioni di Silvio Berlusconi che si era recato al Quirinale per incontrare il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Innumerevoli le postazioni giornalistiche e centinaia le televisioni accorse da tutto il mondo, dalla Cina all’America, dalla Spagna alla Germania. Gabriele Paolini era sull’attenti per disturbare i giornalisti e per sfogarsi con la gente comune, accorsa a dare l’addio a Mister. B. Ho detto che Berlusconi usa la pompetta a Studio Sport e mi hanno dato due anni di foglio di via. Si è fatto operare alla prostata. Non si deve ironizzare su questo. E’ lui che dice che chi non lo vota è un coglione. Insulta tutti, sè stesso e tutto ciò che esiste. Allora noi cittadini lo imitiamo, quindi lo epitetiamo” tuona Gabriele Paolini che esprime grande rispetto per la polizia che “tante volte lo ha difeso”.