X


Isola: la prova “ambiguità” di Otelma e la Marini. Pace fatta ma la vendetta ricade su Bertolani

Scritto da , il Febbraio 9, 2012 , in Programmi Tv Tag:,

text-align: center;”>Marini e Otelma

Un Cristiano Malgioglio in lacrime e un Dan Harrow con le vene del collo pronte ad esplodere. Era finito male l’incontro – seppur virtuale – tra eroi ed eletti e le nomination della scorsa settimana erano diventate un vero e proprio fuoco incrociato di insulti. Così la produzione ha ben pensato di mettere pace tra le due fazioni e l’ha fatto facendo incontrare gli esponenti più carismatici delle due squadre. Valeria Marini e il divino Otelma, in veste di ambasciatori, si sono scambiati un affettuoso gesto di pace autentico come una moneta da tre euro. Pietra dello scandalo: “l’affaire tricheco”. Il mago genovese aveva infatti rinominato la Valeriona proprio tricheco e la sarda trichechiforme non l’aveva affatto gradito. Ma tant’è, scambio di gagliardetti, baci affettuosi e perfino una prova ricompensa dal sapore porno soft.

[imagebrowser id=579]

“Ogni pace merita un premio” afferma Savino, sempre più in equilibrio tra gli errori grammaticali di frasi che stentano a finire. La Marini viene legata a un palo, passando così velocemente da tricheco a soppressata, e conduce, con le indicazioni della sua voce, un mago Otelma bendato verso le chiavi che la libereranno dai lucchetti. Otelma sbatte, si confonde e mostra subito la validità delle sue infinite doti di chiaroveggenza. Ma è solo quando il mago arriva da Valeriona – e prova ad aprire i lucchetti bendato – che comincia un siparietto grottesco. “Più su, più giù” commenta Valeria che poi incalza: “Infilala, dammela qui, faccio io”.

“Quanto erotismo!” si legge su Twitter. “Scene pornografiche” fa eco Lucilla Agosti. Tanto rumore per nulla, verrebbe da aggiungere, dato che Otelma apre solo un lucchetto e così Valeria sceglie solo un premio: un set di ami da pesca. Dopo la pubblicità la pace è ormai fatta e il siparietto prosegue con Otelma che dice a Valeriona: “Il tricheco è un animale molto divertente”. “Ma io sono più un delfino” dice la bionda showgirl. Ma la vita è una ruota e a girarla è proprio la produzione. I ruoli si scambiano e così, stavolta, sono gli eroi a nominare uno degli eletti. Max Bertolani arriva quasi al plebiscito e così, presi armi e bagagli, abbandona amache e sdraio per fiondarsi tra le braccia dell’amato Cristiano.