X


Sky provoca Sanremo. Ecco la pubblicità da oggi nei quotidiani

Scritto da , il Febbraio 14, 2012 , in Festival di Sanremo Tag:

text-align: center;”>pubblicità skySEGUI CON NOI LA DIRETTA DEL FESTIVAL DI SANREMO 2012

Che Sky stia diventando un avversario sempre più temibile per le “grandi tv” non è una novita. Punticino dopo punticino lo share della satellitare di Murdoch continua a crescere inversamente proporzionale all’emorragia di ascolti delle generaliste. Dopo aver acchiappato il pacchetto X Factor al completo (Ventura compresa) e dopo aver promesso scintille con le esclusive sugli Oscar e sulle Olimpiadi, ora la tv da 3 milioni di famiglie abbonate “osa” spingersi fin dove le altre si sono fermate e se la “prende” pure con Sanremo.

Che nessuno tocchi il Festival, verrebbe da dire. Tutte le altre reti battono in ritirata e rispolverano un campionario di repliche che nemmeno Raiuno a Ferragosto: annullati Zelig, Italia’s got Talent, Le invasioni barbariche, Show must go off e Le Iene. Sky cavalca l’onda della polemica e sorprende tutti con una campagna pubblicitaria volutamente provocatoria: “Questa settimana o guardi Sanremo o guardi Sky”.

[imagebrowser id=714]

Pubblicata in fretta e furia su tutti i principali quotidiani italiani, manco a dirlo in prossimità della sezione spettacoli, la nuova campagna stampa di Sky denuncia il fenomeno della resa televisiva targata Mediaset per ribaltare la situazione a suo favore. Questo il messaggio che si trova a piè di pagina: “Il Festival di Sanremo è una grande tradizione italiana, ma c’è una televisione che non si ferma mai, neanche durante Sanremo. Ecco perché i nostri clienti sono liberi di vedere una grande TV, ogni giorno”.

Sky rimarca quindi, ancora una volta, la linea intrapresa nelle precedenti campagne della Tv differente e controcorrente. E in effetti tutti gli appuntamenti fissi, dalle serie tv (C’era una volta, Disperate Housewives, Revenge, Glee) agli appuntamenti con il cinema (Giovedì premiere) rimangono confermati. La domanda è, polemica a parte, nonostante non rappresenti certo un pericolo per Sanremo, Sky riuscirà a tenere i suoi numeri?