X


I Fichi d’India presentano a LaNostraTv “Spara sui Fichi d’India” il nuovo dvd tutto da ridere

Scritto da , il 30 Marzo, 2012 , in Interviste
Fichi d'India

text-align: center”>Fichi d'India

Se i nomi Bruno Arena e Massimiliano Cavallari non vi dicono molto è solo perchè sono meglio conosciuti col loro nome d’arte. Sto parlando dei Fichi d’India il duo comico che da oltre vent’anni ci fa ridere nei cabaret e in tv. Sembra passato molto meno tempo eppure il milanese Bruno e il varesino Max sono nati artisticamente nel 1989 nelle spiagge di Palinuro proprio tra i fichi d’india. Un nome  evidentemente non scelto a caso che ha portato fortuna e una lunga carriera: dagli esordi nei locali di Varese i Fichi d’India si sono fatti conoscere su tutto il territorio nazionale, non solo in qualità di comici, ma anche di attori e cabarettisti,  grazie alle molteplici partecipazioni radiofoniche, televisive e cinematografiche. LaNostraTv li ha incontrati a Milano durante la presentazione nazionale di “Spara sui Fichi d’India“, il nuovo dvd che raccoglie  gli sketches più divertenti del loro infinito repertorio.

 

Dalla tv al dvd con un nuovo progetto firmato Ridens dal titolo “Spara sui Fichi d’India“…

Max: Proprio così! “Spara sui Fichi d’India” è uno succo di molti spettacoli che abbiamo fatto. In vista dell’estate abbiamo pensato di fare un cocktail dei Fichi d’India perchè bisogna ridere di pancia d’altronde il riso è un’antica ricetta medica.

[imagebrowser id=2162]

Un ottimo modo per affrontare la crisi?

Max: Esatto, combattiamo la crisi ridendo. Anche Heidi diceva “Ti sorridono i Monti” però parlare di Monti adesso, insomma… 

Questo progetto vede coinvolti anche altri vostri colleghi: facciamo i nomi?

Bruno: Oltre a noi ci sono Giuseppe Giacobazzi, Paolo Migone e I Mancio e Stigma; ognuno con una raccolta in dvd.

Un dvd di esilaranti gags e battute tratti dagli spettacoli teatrali portati in giro per l’Italia che troviamo… dove?

Bruno: Li potete trovare in edicola in abbinamento editoriale ai piu’ importanti quotidiani italiani non solo nella grande distribuzione ma anche nei negozi specializzati.