X


Quarto Grado, puntata del 30 marzo: svolta nel giallo di Melania Rea

Scritto da , il Marzo 31, 2012 , in Programmi Tv Tag:
il conduttore Salvpo Sottile

text-align: center”>il conduttore Salvpo Sottile

Una puntata dedicata alla speranza, come ha dichiarato in apertura di trasmissione Salvo Sottile che ha introdotto così i casi di Quarto Grado che sarebbero stati oggetto di attenzione da parte del programma di approfondimento di cronaca che va in onda in diretta tutti i venerdì dal centro Palatino di Roma. Affiancato come sempre dal suo braccio destro Sabrina Scampini e dagli opinionisti della trasmissione tra cui Catherine Spaack, ospite d’eccezione per la puntata di ieri, Salvo Sottile ha mostrato gli sviluppi sui casi ancora irrisolti che risultano ancora oggetto di indagine da parte degli inquirenti. Dopo le segnalazioni di avvistamenti da parte di molti testimoni che avrebbero giurato di aver incontrato Roberta Ragusa in carne ed ossa, il mistero è stato sventato. Si trattava di una sosia che ai microfoni di Quarto Grado si è dichiarata dispiaciuuta del malinteso ma purtroppo lei non è Roberta Ragusa.

E mentre i suoceri di Roberta sono convinti di un allontanamento spontaneo della donna madre di due figli, così non la pensano i suoi famigliari che invece temono il peggio per la sorte della donna. Risvolti anche nel caso di Melania Rea infatti è stato ricostruito in trasmissione il giorno dell’omicidio realizzando una tempistica dell’omicidio legata agli spostamenti di Parolisi, per ora unico indagata dell’omicidio della moglie. In effetti in studio si è parlato di tempi piuttosto stretti tanto da far presuppore che possa essere molto difficile che il militare abbia potuto assassinare la moglie e poi tornare sul posto del primo avvistamento a cercarla. E se Salvatore Parolisi fosse innocente?

[imagebrowser id=2173]

Intanto sono stati prelevati i dna dei due macedoni che il giorno dell’omicidio di Melania si trovavano vicino al luogo del delitto. Oltretutto dall’analisi della giacca di Melania è stata rinvenuta una prova di dna di un uomo sconosciuto che potrebbe rappresentare una nuova traccia per le indagini del caso Rea. Quarto Grado ha poi parato ancora una volta della scomparsa di Fabrizio Pioli di Gioia Tauro, il tentato omicidio ai danni del Consigliere comunale dell’Udc Alberto Musy, ferito gravemente da alcuni colpi di pistola il 21 marzo scorso a Torino e del presunto suicidio di di Vlady Acchiapatti, la ventiduenne di Cosenza, ritrovata morta vicino casa che pare però possa essere stata uccisa, come ha ipotizzato la madre ospite in trasmissione. Dunque continua l’impegno di Quarto Grado di indagare tra i risvolti più oscuri della cronaca che tornerà venerdì prossimo con nuove inchieste e documenti esclusivi.