X


Glee, debutta il personaggio transgender di Wade

Scritto da , il Aprile 20, 2012 , in Serie & Film Tv Tag:

text-align: center”>Glee, debutta Wade

Glee sempre più gay friendly: già qualche settimana fa vi avevamo parlato di come il telefilm creato da Ryan Murphy si fosse dimostrato sensibile nei confronti di una piaga sociale poco affrontata dai mass media come il bullismo omofobico, mettendo in scena il tentato suicidio del personaggio di Karofsky a seguito delle numerose prese in giro da parte dei suoi compagni nella nuova scuola. I ragazzi avevano trovato delle foto su Facebook che lo ritraevano in un locale gay in compagnia di Kurt e gli scrivono “FAG” (“finocchio”) sull’armadietto. Il povero Karofsky così decide di impiccarsi, ma l’intervento del padre evita il peggio.

Adesso però la serie tv sposta la sua attenzione sui transgender, da non confondersi coi transessuali: questi ultimi sono persone che si sono sottoposte ad un’operazione chirurgica per cambiare sesso, mentre i transgender sono individui che si sentono appartenenti ad un altro sesso pur vivendo nel corpo di un uomo o di una donna: è il caso del personaggio di Wade, un corpulento studente di colore bravo nel canto ma che si sente più a suo agio nei panni di Unique. Nell’episodio di Glee dedicato alla disco-music lo vediamo interpretare Boogie Shoes dei KC & The Sunshine Band, in uno strepitoso falsetto e indossando tacchi alti, pailettes e aiutato da una stupenda coreografia.

Debutta così in Glee il primo personaggio transgender, probabilmente sulla scia di un caso di cronaca abbastanza recente, ovvero l’esclusione della trans nel concorso di Miss Canada – in seguito riammessa – Jenna Talackova. Alex Newell invece è l’interprete, finalista dell’ultima edizione del Glee Project, il talent show che sceglie i ragazzi da inserire nel corso della serie televisiva. L’attore si è recato sul tappeto rosso dei GLAAD 2012 (la rassegna annuale che premia i personaggi dello showbiz che si sono battuti per le cause gay) e ha svelato alla stampa di non essere più oggetto di bullismo omofobico da quando è stato arruolato nel prestigioso cast di Glee.

[imagebrowser id = 2706]

Ma Alex si è fatto conoscere in queste vesti femminili – è il caso di dirlo – proprio all’interno del talent show che l’ha lanciato. Adesso ha l’opportunità di crescere professionalmente e di lanciare un forte messaggio di speranza ai ragazzi che vivono la sua problematica. E dato l’enorme talento, chissà che Ryan Murphy non lo confermi come personaggio fisso per la prossima stagione.