X


Amici 11, Luca Jurman: contro le major

Scritto da , il 22 Maggio, 2012 , in Amici di Maria De Filippi
luca-jurman-amici-11

text-align: justify”>Amici 11 Luca Jurman dichiarazioniAmici 11 è terminato da poco ma le polemiche attorno al talent ideato e condotto da Maria De Filippi sembrano non conoscere fine; dopo il fiume di parole sprecato per la coppia del momento, quella formata da Belen Rodriguez e Stefano De Martino (ora finalmente felici lontani dal pubblico di Amici e stretti nel loro nuovo nido d’amore), e dopo che le proteste dei fan di Valerio Scanu e Marco Carta sono tramontate con la chiusura dell’edizione del circuito dei big che ha visto trionfare Alessandra Amoroso, c’è ancora chi sente il bisogno di dire la sua sul talent di Canale5 che, con le due finali all’Arena di Verona, sembra aver ricevuto la consacrazione nel pantheon della musica che conta. Lo stesso Roberto Vecchioni, grande cantautore italiano, ospiste nella finale dei giovani, dopo aver duettato con Gerardo Pulli (il vincitore di Amici 11) nel brano che gli ha regalato la vittoria a Sanremo, Chiamami ancora amore, ha voluto dire la sua sui talent e sulla situazione della musica in Italia.

Amici è una speranza per i giovani italiani non un illusione, questo il succo del discorso di Vecchioni che, a quanto pare, non è stato apprezzato e colto nella sua genuinità da tutti. Torna ad occuparsi di un suo vecchio amore Luca Jurman che, dopo aver abbandonato la scuola di Amici per non meglio note motivazioni, decide di dire la sua su facebook nei riguardi delle dichiarazioni del cantautore e, più in generale, su un sistema musicale e sul comportamento delle grandi case discografiche che non si sente di condividere. “Oggi viene promosso un messaggio completamente sbagliato, viene ‘infilato’ nella testa delle persone che per diventare un cantante puoi solo riuscirci attraverso questo sistema (si riferisce all’ingresso in un talent show, ndr)”. Ma secondo il vocal coach le strade per riuscire nella e con la musica sono diverse e non devono essere abbandonate.

[imagebrowser id=3437]

Non bisogna smettere di combattere per il futuro della musica; tale futuro per i giovani talentuosi aspiranti non può e non deve essere affidato alle esclusive scelte di una major, secondo Jurman in via di estinzione, o di un talent. Questo è il momento di combattere “E’ arrivato il momento – conclude Jurman – per tanti artisti dotati di grande talento di suonare, cantarel, ballare, recitare, senza paura del futuro, semplicemente perchè il futuro dell’arte bisogna costruirlo”. Ancora una volta lo Jurman pensiero si mostra poco conforme alle regole imposte dal mercato, cercando di recuperare lo spirito genuino dell’arte. Forse un discorso un po’ anacronistico.