X


Alena Seredova choc: “Gay nel calcio? Facciamo spogliatoi separati”

Scritto da , il 7 Luglio, 2012 , in Personaggi Tv

Credo sia arrivato il momento in cui chi è estraneo a certe tematiche dovrebbe essere privato della facoltà di parlarne, ma dal momento che ritengo inalienabile il diritto alla libertà di espressione forse è meglio lasciare le cose come stanno. Il problema è che non se ne può più di ascoltare ogni settimana delle dichiarazioni così sciocche sui gay, diventati oggigiorno i neri degli anni Duemila e il problema è che non sono solo gli etero a proferirle: Carlo Giovanardi ogni settimana ci sorprende con frasi choc – l’ultima in ordine di tempo è stata “Facciamo camere separate per i soldati gay“, Paola Binetti segue a ruota, il leghista di turno pure, ma non è che Alessandro Cecchi Paone faccia fare alla comunità lgbt bella figura. I suoi amori spifferati a destra e a manca senza peraltro fare nomi ma solo indicazioni di categorie non fanno altro che gettare fango su ragazzi picchiati nelle grandi città come Milano e Roma solo in quanto gay.

Mettiamoci dentro pure Antonio Cassano: il centravanti della Nazionale ha però pagato anche troppo la sua infelice uscita sull’augurarsi che non ci fossero gay nell’Italia di Cesare Prandelli, con un linguaggio da caserma e poi con delle scuse dettate palesemente da un ufficio stampa che si sono rivelate peggiori di quella conferenza stampa. Ma a mio parere decisamente peggiori sono le dichiarazioni della modella ceca Alena Seredova in un servizio fotografico sulle Wags – le mogli e le fidanzate dei nostri calciatori  – nel patinatissimo settimanale Vanity Fair:

“Se un calciatore dichiarasse la propria omosessualità, si creerebbe imbarazzo nello spogliatoio e forse se ne dovrebbe creare uno dedicato. Sarei gelosa, lo ammetto, se un uomo guardasse Gigi con il desiderio con cui lo guardo io”. Ma ci rendiamo conto che nel 2012 esistono addirittura delle donne che partoriscono pensieri di tale portata? O per la signora Buffon i gay sono solo delle eleganti personcine che le disegnano vestiti all’ultima moda?[imagebrowser id = 4190]

Di diverso tono, invece le dichiarazioni di Silvia Hsieh, la moglie di Diamanti: “Con Alessandro ci scherzo su, perché lui ama i profumi e le creme per il corpo, e quando arriva a letto gli dico ‘puoi non dirmelo troppo tardi se sei tu il metrosessuale in Nazionale?‘”. Da apprezzare l’ironia di uno dei volti più gloriosi di Top of the pops: pur non spiccando per bravura, la conduttrice di Tahiti era una di quelle ragazze a cui non si poteva non voler bene per il suo visetto candido. Chissà che non ritorni presto in tv!