X


Luca Ward al Giffoni: “In Italia facciamo solo filmetti, addio Cinema con la C maiuscola!”

Scritto da , il 17 Luglio, 2012 , in Personaggi Tv
luca ward giffoni film festival 2012

text-align: center”>luca ward giffoni film festival 2012

Conrinua la carrellata di ospiti al Giffoni Film Festival, kermesse aperta fino al prossimo 24 luglio. Oltre alle dichiarazioni shock del duo comico Ale e Franz e dello sconforto sul cinema italiano a nome di Leonardo Pieraccioni di cui vi abbiamo già parlato, anche un altro grossissimo volto noto (o in quasto caso dovremmo dire voce nota?) del mondo dello spettacolo nazionale di aggiunge al coro: Luca Ward. Il famosissimo doppiatore italiano, celebre per aver interpretato fra i numerosi ruoli quello di Massimo Decimo Meridio ne “Il Gladiatore”, ha dichiarato di essere nostalgico e di preferire di gran lunga le produzioni di qualche anno fa rispetto a quelle più recenti.

In particolare, ha detto: “Peccato che in Italia il cinema non sia più quello con la C maiuscola… Facciamo solo filmettini e non riusciamo a esportare più nulla. Purtroppo non ci sono soldi e solo produrre cortometraggi di qualità è già un grande passo avanti E’ necessario mantenere viva ad ogni modo la memoria di quei personaggi o di quegli avvenimenti che hanno segnato la nostra crescita, con la speranza che questo Paese possa cambiare senza nascondere più le grandi tragedie dietro grandi bugie“.

[imagebrowser id=4283]

In ultima battuta ha parlato anche dei suoi prossimi progetti lavorativi: “Tornerò sul grande schermo nella stagione invernale nel film ‘Trendy Movie – Una notte agli studios’ di Claudio Insegno, il secondo film in 3D prodotto in Italia. La storia è quella di due comparse un po’  sfigate che passano da un set all’altro diffondendo, nei vari passaggi da una troupe all’altra, la voce che Cinecittà sta per essere acquistata da un magnate americano. Cosa che (purtroppo, ndr.) non è poi così lontana dalla realtà“. Chissà se le lamentele di tutti questi personaggi famosi riusciranno a smuovere qualcosa nel cuore (e nei finanziatori) della nostra penisola… nel frattempo, siete pronti per il prossimo cinepanettone?