X


Zelig, il gran rifiuto di Fabio De Luigi: “Mi dispiace ma dico no”

Scritto da , il Luglio 2, 2012 , in Programmi Tv Tag:

text-align: center”> De Luigi, no a Zelig

Fabio De Luigi ha detto no alla conduzione della prossima edizione di Zelig, il varietà della risata che per anni è stato sotto la guida di Claudio Bisio.  “Non lo farò” – ha spiegato il diretto interessato – “E’ uscita una notizia che non doveva uscire e ora è antipatico dire che non faccio un programma. Con grande dispiacere ho dovuto dire di no: un dispiacere pari alla speranza che magari possa di nuovo ricevere questa offerta in futuro“. Il motivo del gran rifiuto è chiaro: “Non potevo prendermi quell’impegno. E’ un progetto che richiede tempo. Se avessi accettato avrei voluto seguire tutto il programma, conoscere i comici, trovare il mio stile. L’avrei voluto preparare al meglio“.

Il buon Fabio non si aspettava che Claudio Bisio avrebbe mollato la conduzione di Zelig, ritenendolo un binomio di ferro e pensa che la chiamata a raccogliere il testimone da parte degli autori Gino & Michele parlando di un rapporto di cuore, dal momento che li conosce da molti anni e ha iniziato con i due la carriera. “Avrei fatto “Zelig” con il cuore ed è stata una scelta sofferta. Ma ho davanti un anno cinematografico intenso: impegni stabiliti da tempo“. Il 23 novembre infatti uscirà nelle sale italiane Il peggior Natale della mia vita, ideale spin-off del divertente La peggiore settimana della nostra vita che ha visto l’ex volto di Mai dire … al fianco di Cristiana Capotondi.

Ma De Luigi non si sbottona nemmeno di fronte a questo nuovo progetto, di cui non può dire nulla, anticipando solo che si tratterà di una commedia – ma va? Strano, pensavamo all’ennesimo film drammatico – e ammettendo, sulla linea di Carlo Verdone, che si è verificata una perdita di credibilità nel genere. In realtà Verdone dice così perchè gli è andato male il film Posti in piedi in paradiso, Benvenuti al nord ha incassato anche più del precedente: “Una parte delle risorse andrebbe dedicata a progetti innovativi. Una parte delle risorse andrebbe dedicata a progetti innovativi. Ma siamo in un momento in cui è difficile chiedere a chi investe di correre rischi“.

[imagebrowser id =4113]

Soddisfatto di Il peggior Natale della mia vita? “Soddisfattissimo. Abbiamo allargato il cast, ci sono Diego Abatantuono, Laura Chiatti, Ale & Franz. Abbiamo cercato di non fare una mera operazione commerciale ma di realizzare un film più riuscito del primo». Quindi lei è fiducioso per le sorti della commedia italiana? “Assolutamente sì. La commedia è viva. Si tratta solo di coccolarla un po’“. Speriamo che si trovi anche la soluzione per far resuscitare anche Zelig. De Luigi ha per ora rifiutato, ora è tempo di cercare nomi alternativi.