X


Ballarò, l’esperto anti-evasione Lorenzo Barbone accusato di frode fiscale

Scritto da , il 24 Agosto, 2012 , in Personaggi Tv
L'esperto anti-frode Barbone

text-align: justify”>L'esperto anti-frode Barbone

Ombre su Ballarò, la trasmissione condotta da Giovanni Floris su Rai Tre che risulta essere la più seguita e accreditata tra i programmi di approfondimento politico della tv pubblica. Ebbene si perché uno degli esperti del programma, il noto commercialista Lorenzo Barbone, che a  Ballarò si occupa di spiegare le complicate vicende di evasione fiscale delle società off shore è stato accusato di essersi appropriato di 800.000 euro in nero, compenso stabilito per aiutare la famiglia Giacomini ad evadere proficue somme di denaro.

La somma a lui spettante riguarderebbe il compenso per i servizi offerti alla famiglia Giacomini dal 2006 e 2008, secondo la ricostruzione de Il Fatto Quotidiano, vicenda che ha già portato all’arresto di  Elena Giacomini e Alessandro Jelmoni. Insomma, da esperto anti-frode, Barbone per “arrotondare” il proprio stipendio si sarebbe occupato dietro le quinte del programma che gli ha fornito enorme visibilità, di aiutare i tanto criticati evasori fiscali, finendo in un attimo nel mirino della Guardia di Finanza.

[imagebrowser id=4745]

Dietro tale operazione, secondo il Gip di Milano, sarebbero implicati anche alcuni impiegati di Banca Intesa accusati del reato di concorso in frode fiscale e riciclaggio. La prova schiacciante della colpevolezza del commercialista Lorenzo Barbone riguarderebbe una mail spedita nel 2010 in cui il noto commercialista reclama la sua “giusta ricompensa” per il servizio offerto. Insomma, uno scandalo bello e buono quello che ha colpito il professionista che adesso dovrà difendersi del reato a lui contestato che certamente coinvolgerà in maniera portentosa anche la sua carriera televisiva in una trasmissione come Ballarò che si appresta a ricominciare con una nuova edizione a partire dal prossimo 11 settembre (di cui vi abbiamo presentato  il promo favolistico) in cui molto probabilmente non vedremo più l’esperto in questione travolto dall’inchiesta giudiziaria.