X


Olimpiadi Londra 2012, ginnastica artistica: le (flop) “Ginnaste” di Mtv si posizionano solo settime

Scritto da , il Agosto 1, 2012 , in Notizie Varie, Programmi Tv Tag:,
olimpiadi londra 2012 ginnastica artistica italia ginnaste mtv settime

text-align: justify”>olimpiadi londra 2012 ginnastica artistica italia ginnaste mtv settime

Partite a razzo, finite a…“. Purtroppo non è andata bene la prima prova delle ragazze italiane di ginnastica artistica che, sommando i punteggi delle atlete,  si sono classificate soltanto settime su otto squadre in gara, quasi fanalino di coda. Sono partite zitte-zitte e si sono qualificate fino alla gara finale mentre qui in Paese festeggiavamo le prime medaglie conquistate come il Bronzo della judoista Rosalba Forciniti, l’argento nella carabina di Niccolò Campriani oppure il tris tutto italiano nel fioretto femminile con l’oro per la Di Francisca, argento per la Errigo e bronzo per la Vezzali.

Le ragazze però sono celebri  in tv, non solo per le loro piroette o salti acrobatici, ma anche per essere le protagoniste di un noto format italiano di Mtv dal titolo “Ginnaste – vite parallele che per molti mesi ha riempito il teleschermo in una sorta di docu-telefilm dove mostravano al pubblico teledipendente le fatiche, il sudore e i momenti più giocosi delle ragazze che si cimentano in questo ardito sport che è appunto la ginnastica artistica. Il programma delle Ginnaste è riconfermato anche nella prossima stagione televisiva e sarà in onda dal prossimo 17 settembre.

[imagebrowser id=4480]

Tornando alla gara olimpica, è vero che probabilmente arrivare in finale con misero settimo posto non è proprio confortante, ma c’è da dire che Vanessa Ferrari, Carlotta Ferlito, Elisabetta Preziosa, Erika Fesana e Giorgia Campana hanno comunque scritto un pezzo di storia nella ginnastica italiana:  infatti per la prima volta in epoca moderna, una squadra femminile italiana è riuscita quantomeno ad entrare nei magnifici otto di una finalissima. Lo stesso allenatore Paolo Pedrotto l’ha sottolineato:La finale a squadre per noi valeva già una medaglia!.

Vanessa Ferrari, a conti fatti la più preparata del gruppo, ha dichiarato: “Nel riscaldamento ho preso una culata e al volteggio ho avvertito un dolorino a una gamba. Ma per la finale di specialità resto fiduciosa“.