X


Sergio Assisi sarà “Il Commissario Nardone”: la fiction in onda a settembre dopo due anni dalle riprese

Scritto da , il 9 Agosto, 2012 , in Serie & Film Tv

text-align: justify”>Sergio Assisi è Il commissario Nardone, a settembre su Rai1

Archiviato il tentativo, neanche troppo riuscito, di cimentarsi come ballerino nella balera di Ballando con le stelle, Sergio Assisi torna al suo primo amore. Non stiamo parlando di Gabriella Pession, purtroppo per lui (non ha mai fatto mistero di esserne ancora molto innamorato), ma della fiction: l’attore sarà infatti protagonista della serie tv in costume Il commissario Nardone, ispirato alla storia del capo della squadra mobile di Milano negli anni ’50. Le sei puntate, girate per Rai1 da Fabrizio Costa, dovrebbero andare in onda dal prossimo 6 settembre (lo spot è già in rotazione), salvo sconvolgimenti del palinsesto. Nel cast, oltre ad Assisi, ci sono Giorgia Surina, Anna Safroncik (reduce dal grande successo di Le tre rose di Eva), Margot Sikabony e Stefano Dionisi.

Alla presentazione della fiction, Assisi ha parlato a Il Giornale del suo personaggio, facendone un ritratto che rivela l’entusiasmo con cui l’attore si è calato nella parte: “Nardone è un poliziotto così autentico che sembra esser stato inventato. Lui è un avellinese, trasferitosi nella nebbiosa Milano del dopoguerra per aver denunciato alcuni colleghi corrotti. Un personaggio onesto ma soprattutto capace. Nella capitale morale alle porte del boom si trova come a casa sua. E con rare doti d’intuizione e penetrazione psicologica risolve clamorosi casi (…) Infine inventa la Squadra Mobile: un modello di nucleo investigativo poi copiato in tutto il mondo“. Insomma, non l’ennesimo personaggio inventato a tavolino, ma una storia e una vita vera, prestate al genere dello sceneggiato televisivo. Per Assisi, napoletano doc e grande promotore del moto di cabiamento che sta investendo la sua città, le origini partenopee sono state la marcia in più per leggere il personaggio.

[imagebrowser id=4574]

Assisi ne parla con un certo orgoglio, come se nella storia del commissario si possa leggere quella di tante altre persone “Nardone è uno dei tanti uomini del Sud che, emigrati al Nord, sono riusciti a inserirsi, a farsi rispettare, a far grande Milano. Lui amava questa città; e la città ricambiò. E poi c’è la naturale simpatia, tutta partenopea, del personaggio. Che è ironico, disincantato, spiritoso, verace“. L’arrivo della fiction sugli schermi, come per tanti altri prodotti Rai, non è stato per niente semplice: le puntate girate (all’estero, tanto per cambiare) in una Belgrado ricostruita sul modello della Milano degli anni ’50, sono già pronte da più di due anni, ma Rai Fiction le ha inspiegabilmente tenute ferme. E Sergio Assisi non rinuncia ad una stoccata polemica su questo argomento: “Siamo fortunati che la fiction già vada in onda. Ufficialmente non è stata trasmessa perché i palinsesti erano troppo pieni, ma su questo preferisco non pronunciarmi. Direi cose sgradevoli – in effetti di occasioni utili ce ne sarebbero state eccome – Mi limito a osservare che è assurdo produrre lavori con tanta spesa e tanta cura per poi tenerli per anni chiusi nei cassetti. Già noi attori facciamo un lavoro con cui si scrive sull’acqua. Se poi in acqua finisce il nostro lavoro…”.