X


Inter – Partizan Belgrado: probabili formazioni (ore 19, Sky Sport 1)

Scritto da , il Ottobre 25, 2012 , in Notizie Varie Tag:
Andrea Stramaccioni, allenatore Inter

text-align: center”>Andrea Stramaccioni, allenatore Inter

Inter – Partizan Belgrado: non è affatto rosea la vigilia di questo incontro di Europa League, tra cui spicca anche Panathinaikos – Lazio. A Milano, tra ieri e oggi sarebbero arrivati circa 4mila tifosi serbi, la maggior parte dei quali con le loro automobili e non con pullman, ergo in modo più difficile da intercettare e controllare da parte delle forze dell’ordine. Si temono  grandi problemi di ordine pubblico: a Milano sono schierati diverse centinaia di agenti, insieme a diversi battaglioni di carabinieri. Insomma, speriamo non vi siano situazioni spiacevoli, ma ora parliamo di calcio.

Inter – Partizan Belgrado: si tratta del terzo impegno nel Gruppo H di Europa League per l’Inter di mister Andrea Stramaccioni; l’Inter ospita stasera i serbi del Partizan Belgrado, una squadra di grande tradizione che, comunque, sembra ampiamente alla portata dei nerazzurri.

[imagebrowser id = 5609]

 

Inter – Partizan Belgrado, probabili formazioni:

Inter (3-5-2): Handanovic; Silvestre, Cambiasso, Juan Jesu; Zanetti, Guarin, Gargano, Nagatomo, Coutinho; Livaja, Palacio. All.: Stramaccioni.

Partizan Belgrado (4-4-2): Petkovic; Miljkovic, Ostojic, Ivanov, Lazevski; Medo, S.Markovic, Tomic, S.Ilic;  L.Markovic, Mitrovic. All.: Vermezovic.

Diretta tv/Streaming: Sky Sport 1, Sky Calcio 1, Sky Go, Premium Calcio 1, Premium Calcio HD.

Inter – Partizan Belgrado, i precedenti storici sono solo due, entrambi molto ben auguranti: nell’edizione 1963/64 di Coppa dei Campioni e in quella di Coppa Uefa del 1990/91. Nella prima circostanza i nerazzurri vinsero 2-0 in trasferta e 2-1 in casa, nella seconda il 3-0 di San Siro bastò per l’1-1 del ritorno a Belgrado. La curiosità statistica è che quelle due coppe sono poi finite all’Inter: quando i nerazzurri incrociano il Partizan di solito vincono la coppa. Chissà che non si ripeta la stessa cosa.