X


Prima puntata di Youtuber$ The Series sul web. Ed è subito polemica

Scritto da , il 10 Ottobre, 2012 , in Programmi Tv

text-align: justify”>cast youtubers the seriesYoutuber$ The Series ha fatto il suo debutto Lunedì 8 Ottobre, giorno in cui la prima puntata di questa nuova serie web – presentata già lo scorso 4 Ottobre al RomaFictionFest – è stata caricata sulla rete. E che dire, i giudizi non si sono di certo fatti attendere: in queste ore il video della puntata è infatti preso d’assalto da numerosissimi commenti da parte dei visualizzatori: commenti positivi e negativi, una situazione apparentemente ‘standard’ per un nuovo prodotto inserito ‘sul Tubo’. Niente di male, fino a questo punto, se non fosse che la serie è stata a dir poco presa di mira per il lato innovativo – e allo stesso tempo più incompreso – che la caratterizza: non tanto la presenza delle guest star – che a buon bisogno hanno preso parte a molte altre web series – quanto la partecipazione di volti che non sono nati direttamente dalla rete. La prima puntata andata in onda ha mostrato solamente i cinque protagonisti, ovvero Diana Del Bufalo, Andrea De Rosa, Tommaso Arnaldi, Davide Campennì e Carlotta Tesconi, ma già dal trailer è possibile verificare la presenza di Chiara Milani, Silvia Quondamstefano, Nicole Murgia, Gabriele Rossi, Brenno Placido e molti altri attori che hanno preso parte ad alcune delle serie tv più amate come “I Cesaroni”, “Tutti pazzi per amore” e “I Liceali”.

Le polemiche che si sono alzate – e che continuano ad alzarsi – hanno alla base il fatto che alcuni ragazzi hanno invaso il mondo di Youtube senza l’opportuno ‘pass’ ovvero la ‘non notorietà’, per dirla in termini spiccioli: l’idea che degli attori possano entrare sul web – portando con se la scia televisiva – non è evidentemente piaciuta a chi sulla rete ha posto la propria firma.

[nggallery id=5366]

Ma la reazione era quasi attesa dai diretti interessati, seppure questi ragazzi, a cominciare dai tre ideatori di Youtuber$, abbiano un’idea del tutto diversa del loro operato: l’obiettivo non era ‘contaminare’ il mondo di Youtube, ma dare vita a un’idea che sovvertisse gli schemi, quindi quale miglior modo di farlo se non utilizzando una rete che tecnicamente è a disposizione di tutti? Gli attori hanno poi deciso di prenderne parte perché entusiasti del progetto, e di certo non sono mancati i passaparola tra loro, così sembra che tre studenti universitari siano riusciti a creare un gruppo ‘noto al pubblico’. Ma, avendone la possibilità, chi non farebbe carte false per raggiungere lo stesso obiettivo?

Un altro punto fortemente polemizzato è stata l’insinuazione che attorno alla serie giri una gran quantità di soldi. Le discussioni sull’argomento non sono facilmente arrestabili per chi vuole credere che sia così, ma gli ideatori e gli stessi protagonisti hanno più volte affermato che la serie è stata montata a budget zero, e questo anche per quanto riguarda le guest star. Un lavoro che avrebbe dovuto avvalersi di una semplice telecamera è stato poi arricchito da una vera e propria troupe tecnica di volontari, e alcune delle location sono state messe a disposizione dagli stessi attori e dall’Università Luiss di Roma. Insomma, sembra essere stato un lavoro pensato e accurato, di certo non creato su due piedi e poi caricato alla buona su Youtube. E’ ovvio che le critiche positive e negative – soprattutto se costruttive – caratterizzano questa come altre serie web, ma anche le serie tv, i lavori teatrali e quelli cinematografici.