X


Elezioni 2013: Augusto Minzolini si candida al Senato con il Pdl

Scritto da , il Gennaio 21, 2013 , in Personaggi Tv Tag:,

text-align: center”>Minzolini candidato con il Pd alle elezioni

Augusto Minzolini si candiderà con il Pdl come capolista per il Senato in Liguria: si allunga la lista dei giornalisti che corrono per un seggio in Parlamento alle prossime elezioni. Dopo le candidature di tanti volti noti di stampa e tv come Massimo Mucchetti, Corradino Mineo e Rosaria Capacchione (Pd), Mario Sechi (Scelta Civica con Monti per l’Italia), Oscar Giannino (Fare per fermare il declino), Paola Ferrari (Pdl) Sandro Ruotolo (Rivoluzione civile con Antonio Ingroia), l’ultimo in ordine di tempo ad intraprendere la carriera politica è l’ex “direttorissimo” del Tg1. Una candidatura che avrebbe anche il via libera di Silvio Berlusconi.

Il nome di Augusto Minzolini, secondo le ultime indiscrezioni, sarebbe spuntato durante la riunione notturna a Palazzo Grazioli per ultimare la compilazione delle liste elettorali, che vanno depositate presso le cancellerie delle Corti di Appello o dei tribunali fino alle 20 del 21 gennaio. L’ex direttore del Tg1 è il favorito tra i candidati in corsa per un posto in lista in Liguria con il Popolo della Libertà in Liguria, secondo nella lista per il Senato. Una decisione che, se confermata, metterà la parola fine sul tanto chiacchierato approdo di Minzolini a Mediaset

[nggallery id=7306]

Augusto Minzolini, ex corrispondente dagli Stati Uniti per La Stampa, retroscenista che ha prefino dato il nome ad un genere chiamato “minzolinismo”, è stato il protagonista di una delle direzioni più discusse della storia del Tg1 per la linea evidentemente filo-governativa e berlusconiana. Allontanato dalla Rai in seguito al rinvio a giudizio per peculato nei confronti dell’azienda (in merito alle spese per decine di migliaia di euro sostenute con la carta di credito aziendale), cui è seguita una lunga vicenda giudiziaria, il suo arrivo a Mediaset era dato quasi per certo: per lui si profilava l’ipotesi di un nuovo programma di approfondimento che avrebbe preso lo spazio di Matrix, cancellato dopo i deludenti ascolti dell’ultima stagione. Invece, come sembra, Minzolini sarà arruolato direttamente in lista con il partito di Berlusconi: la conferma arriverà solo con il deposito delle liste.