X


Ilaria D’amico: “Mario Monti è un marziano; a Berlusconi avrei voluto fare più domande”

Scritto da , il Gennaio 23, 2013 , in Personaggi Tv Tag:
ilaria d'amico lo spoglio sky tg24

text-align: justify”>ilaria d'amico lo spoglio sky tg24

ILARIA D’AMICO, INTERVISTA SULLA SUA ESPERIENZA A LO SPOGLIO – Fra i tanti programmi sorti per raccontare le gesta politiche dei vari candidati premier in vista delle prossime elezioni del 24 e 25 febbraio, ha riscosso molto successo “Lo spoglio”: programma d’approfondimento di Sky Tg24 che ha intervistato i principali candidati al voto: l’intervistatrice Ilaria D’Amico ha abbandonato per un attimo lo studio di Sky Calcio Show per stringere la mano a Silvio Berlusconi, poi a Mario Monti e anche a Pierluigi Bersani.

Di questa nuova esperienza, la D’Amico ne ha parlato al settimanale Vanity Fair dove si è detta inizialmente arrabbiata per come sono andate le cose con il faccia a faccia con il presidente del PDL Silvio Berlusconi e, al contrario, stranita dal comportamento troppo distaccato del premier uscente Mario Monti. Queste le sue parole:

Appena finita l’intervista con Berlusconi ero furibonda perché non gli ho fatto le domande che avrei voluto fargli. avrei dovuto approfittare di quel clima di disponibilità che si era venuto a creare ma il tempo è volato. Quello del tombeur de femme è il personaggio di Berlusconi e non mi ero stupita quando mi ha fatto quella battutina Toglierà l’IMU? Sono sicura che lo farà ma non so con quali conseguenze per il Paese.

[nggallery id=7349]

Su Mario Monti invece ha detto:

Ho apprezzato il fatto che Monti abbia cercato di umanizzarsi mostrando imbarazzi e debolezze della sua vita personale, per esempio quando mi ha parlato della moglie: è stato un vero regalo. In questo senso, dico che Monti è un marziano catapultato in politica: sta imparando a sue spese cosa significa fare un altro mestiere che non sia quello di stare dietro ad una cattedra… Se Monti ha detto no ai matrimoni gay è perché lì c’è sicuramente un abbraccio col Vaticano. I laici quindi dovrebbero votare Monti sempre se non temono di pagare troppo.