X


Ballarò, Silvio Berlusconi: “Perché non abbiamo fatto tutto questo prima? Avevamo altre priorità”

Scritto da , il Febbraio 6, 2013 , in Programmi Tv Tag:,
Silvio Berlusconi ospite di Ballarò

text-align: justify”>Silvio Berlusconi ospite di Ballarò

BALLARO’ ha ospitato nella serata di ieri 5 febbraio Silvio Berlusconi, che dopo essere stato introdotto da uno spumeggiante Maurizio Crozza nella sua esilarante imitazione dell’ex Premier, è stato intervistato da Giovanni Floris in chiusura di puntata in cui ha illustrato il suo programma elettorale. Davanti a un Giovanni Floris lucido e inflessibile, Berlusconi ha potuto spettacolarizzare poco la sua partecipazione al programma, anche se non sono mancate le battutine e le frecciatine ai suoi avversari  politici, in primis a Oscar Giannino che recentemente lo ha definito un buffone: “Se andiamo a dare ai voti ai Giannino di turno non si va da nessuna parte. Dovremmo fare come in America, da una parte i Democratici, dall’altra i Repubblicani”.

SILVIO BERLUSCONI richiamato al senso del dovere dal suo “tramonto operoso” in cui ha creato una Fondazione per l’edificazione di ospedali per i bambini nel mondo oltre al Progetto dell’Università delle Libertà, è tornato in politica senza però candidarsi a Premier perché, ha affermato, “dopo l’esperienza di 10 anni Governo ho constatato che le cose importanti si devono fare nel Ministero dell’ Economia e dello sviluppo”. E a questo proposito Giovanni Floris ha controbattutto immediatamente in maniera molto abile e maliziosa: “Dunque il ruolo di Premier non serve a molto, è per questo che lo lascia ad Alfano?” e la risposta di Berlusconi è stata immediata: “Alfano attualmente è il migliore professionista della politica in campo. Non c’è nemmeno uno, tra i politici attuali,  che sarebbe degno di essere assunto nella mia azienda”.

 Alla domanda fatidica di Giovanni Floris che riecheggia nei medesimi interrogativi degli Italiani ossia: “Perché non lo ha fatto prima?”, riferendosi all’abolizione dell’Imu, al taglio del finanziamento pubblico ai partiti, al condono tombale e altre promesse dell’attuale campagna elettorale dell’ex Premier, Berlusconi ha risposto: “Perché il Governo deve agire sui disegni legge e avevamo delle altre priorità”. Un testa a testa che è rimasto confinato nelle parallele linee di un binario, quello tra Floris e Berlusconi dunque, e per chi si aspettava lo show come in Servizio Pubblico,  ha dovuto accontentarsi dell’imitazione parossistica di Maurizio Crozza.