X


SANREMO 2013: gli abiti più belli (e più brutti) della prima serata del Festival

Scritto da , il Febbraio 13, 2013 , in Festival di Sanremo Tag:,
Sanremo-2013-foto-Benedetta-e-Cristina-Parodi

text-align: justify”>Sanremo-2013-foto-Benedetta-e-Cristina-ParodiSANREMO 2013 – Mettiamo da parte le polemiche sull’intervento di Maurizio Crozza e concentriamoci sulle cose serie: gli outfit dei cantanti e degli ospiti di questo sessantatreesimo Festival della canzone italiana. Poche soddisfazioni arrivano dagli uomini: in molti hanno rubato i completi delle Iene di Italia1 rischiando di somigliare a dei Men in Black. A rompere gli schemi ci ha pensato Marco Mengoni in total blu, completo slim fit all’inverosimile che lo faceva sembrare ancora più alto e slanciato. Altro abito diverso dagli altri è quello dell’ospite Felix Baumgartner, che come il cantante di X-Factor decide di optare per il monocromatico, un completo rosso bordeaux spezzato solo da una camicia nera. L’effetto “Paolo Belli” a Ballando con le stelle era dietro l’angolo ma l’eroe dei cieli ha una presenza fisica nettamente diversa. Brillano sul podio dei meglio vestiti il maestro Beppe Vessicchio, impeccabile nel suo completo classico e barba meno folta del solito, Peter Cincotti, Toto Cutugno e Stefano Tempesti, al quale rimproveriamo solo di aver indossato una giacca un pò troppo stretta. Meritano di essere citati anche i Marta sui tubi perchè il loro look era in tema con la scenografia: sembravano appena usciti dal film “Nightmare before Sanremo”. Stendiamo un velo.

Ma passiamo alle donne, vere ambasciatrici della moda e del buon gusto (?) sul palco del teatro Ariston. La padrona di casa Luciana Littizzetto ha sfoggiato tre diversi abiti firmati Aquilano Rimondi, brand dei due stilisti Tommaso Aquilano e Stefano Rimondi. Primo abito total black con piume e Swarovski che si trasforma: da principesco diventa un minidress. Bella l’idea, peccato che nel momento della trasformazione si siano viste anche le scarpe. Caro Rizieri, ci dispiace dirlo ma delle scarpe così brutte non si vedevano dai tempi degli zoccoli Dr Scholls. Cambio d’abito (ed anche di smalto a tempo di record): minidress blu, ancora cristalli e calze coprenti, che rimarranno ben salde alle gambe della Littizzetto anche nel terzo outfit. Stessa regola vale anche per le scarpe, diventate ormai parte integrante dei piedini da fata di Lucianina. Abito verde e nero nello stesso stile dei precedenti per la terza parte della serata: confidiamo negli stilisti che vestiranno la conduttrice di Sanremo e nella loro bontà nelle altre serate per vedere abiti migliori. E gli outfit delle altre donne sanremesi?

Partiamo da quelle che non ci sono piaciute. Simona Molinari ha sbagliato periodo arrivando vestita da Mamma Natale: troppo rosso, troppo sbrilluccichio, troppo tutto. Anche troppo corto l’abito e spropositato il fiocco sulle scarpe (ovviamente rosse) degno dei migliori fiocchi sui pacchi regalo. Come direbbe Mara Maionchi: “Per me è NO!” Non stupisce e non colpisce nemmeno Ilaria d’Amico, un pò banale nel suo abito nero a sirena che però faceva un pò troppo l’effetto pancera. Stesso discorso per Chiara, senza infamia e senza lode nel suo completo casacca e pantalone color blu elettrico.

Valeria Bilello (ex veejay di Mtv) aveva un abito bianco in stoffa leggerissima, completamente bianco con profili neri paillettati che la facevano sembrare una dea greca. Il trucco e il parrucco in stile Rose McGowan erano molto belli. Non male.

Maria Nazionale, invece, fa categoria a parte: stretta in un abito fucsia, con una sola spalla a palloncino ed una fila di bottoni dalla spalla fino al polso da far invidia ai peggiori abiti da sposa, la cantante napoletana si merita il premio di “coraggiosa sanremese 2013”. Se il suo abito lo avesse indossato lo scorso anno Nina Zilli sarebbe stato un successo e sarebbe andato a ruba in tutti i negozi ma l’effetto “Zia Assunta” (una delle protagoniste del telefilm “La Tata”, ve la ricordate?) ha rovinato tutto. Scusaci Maria.

Si distinguono per glamour e stile la tennista Flavia Pennetta e le sorelle Parodi: la prima è apparsa in scena con un abito nero con applicazioni silver e gold con una profonda scollatura incorniciata da un’acconciatura molto morbida. Le seconde, invece, elegantissime nei loro abiti e, soprattutto, nelle loro scarpe gioiello. La regina dei fornelli di La7 Benedetta ha optato per un vestito beige in chiffon con bustino con decori argento mentre la sorella Cristina ha puntato tutto sul nero illuminato da applicazioni in cristalli. Senza ombra di dubbio le più belle della serata.

E voi lettori cosa ne pensate? Dite la vostra sugli outfit della prima serata del Festival di Sanremo 2013!