X


Zelig: Giovanni Vernia abbandona l’imitazione di Fabrizio Corona

Scritto da , il Febbraio 3, 2013 , in Programmi Tv Tag:
giovanni vernia imita fabrizio corona

text-align: justify”>giovanni vernia imita fabrizio corona

ZELIG CIRCUS: NIENTE IMITAZIONE DI FABRIZIO CORONAZelig è tornato su Canale Cinque da alcune settimane nella vecchia veste di tendone, non a caso il nome è tornato Zelig Circus. In questa edizione sottomessa dalla Crisi, molti sono i simpatici personaggi che rallegrano il pubblico del lunedì sera: dal trasformista Ennio Marchetto con i suoi look cartonati agli speed date di Marta e Gianluca, passando per l’annunciatrice di Mediaset Vintage (il canale “giovanile”) e Maria Pia Timo ammorbata dai call center. Ma forse la parodia che sta battendo cassa sui giornali è sicuramente l’imitazione di Giovanni Vernia che, abbandonati i panni del discotecaro Jhonny Groove, si è presentato sul palco di Zelig come un finto rinato Fabrizio Corona.

La gag sembra aver riscosso davvero molto successo ma il buon Giovanni Vernia ha deciso di non continuare con questa parodia. Questa shockante dichiarazione è stata pubblicata questa mattina sul noto sito TvBlog.it che pone l’accento sulla questione chiedendo spiegazioni su questo inaspettato gesto.

Queste, in breve, le affermazioni del comico genovese:

Dopo la sua condanna, la polemiche, i dibattiti, la pena: tutti spunti fantastici per fare satira sulla società italiana, sulla politica, sul governo. Con Corona ce n’era per tutti. Però per ridere di una piccola disgrazia altrui dobbiamo far tacere per un attimo la pietà e la simpatia… E’ un concetto spietato ma è così. Del resto quando Ollio (della coppia Stanlio ed Ollio, ndr.) cadeva per terra  tutti ridevamo, ma lui cadeva e si faceva del male. Il comico dev’essere cinico se vuole raccontare la realtà. In ogni caso, non continuerò a fare l’imitazione di Fabrizio Corona: prima vedrò come si evolverà la situazione e solo se ci sarà del materiale non banale, allora tornerò con questa imitazione, altrimenti è stato solo “un bel gioco durato poco“… E poi le battutine sul carcere non mi interessano, sono scontate.