X


Justine Mattera: “Ho rischiato di morire per un attacco d’asma”

Scritto da , il Marzo 12, 2013 , in Personaggi Tv Tag:

text-align: center”>

JUSTINE MATTERA: “HO RISCHIATO DI MORIRE PER UN ATTACCO D’ASMA”– Dramma per la bella Justine Mattera. L’ex moglie di Paolo Limiti nelle scorse settimane, ha vissuto una situazione davvero spiacevole e drammatica. E’ stata ricoverata in ospedale per una crisi d’asma. “Sono stata ricoverata per la crisi d’asma più violenta della mia vita. Pensavo di morire” ha rivelato la showgirl in un’ intervista a DipiùTv.

La Mattera ha detto di essere abituata a crisi asmatiche ma che questa è stata particolarmente forte e questa faccenda l’ha scossa particolarmente, anche perché il pericolo potrebbe ripresentarsi in qualsiasi momento, anche in piena notte.  Justine ha raccontato di essersi sentita male attorno alle 5.00 del mattino, durante il sonno. Si è svegliata di colpo e non riusciva più a respirare bene.

Pur avendo capito che fosse un attacco d’asma, ha avuto molta paura perché neppure l’inalatore che riesce a calmare gli attacchi ha avuto effetto. “Il problema peggiorava e alla crisi d’asma si è aggiunta una crisi di panico, agitandomi sempre di più e i respiri veloci, uno dopo l’altro, non hanno fatto che aggravare la mia situazione. Pensavo di stare per morire” ha rivelato la Mattera. A quel punto la donna ha svegliato il compagno Fabrizio Cassata, gli ha raccontato che si sentiva da svenire e lui l’ha portata subito al Pronto Soccorso. I medici le hanno subito somministrato una flebo di cortisone e le hanno dato anche l’ossigeno.A determinare la crisi d’asma è stata un’infezione che aveva totalmente intasato i polmoni. “Già da un po’ di tempo soffrivo di bronchite, la stavo curando con degli antibiotici ma il problema non si è risolto ed è tornato violentemente, all’improvviso” ha detto la donna. Dopo solo cinque ore in ospedale, la showgirl è voluta uscire per andare alle prove del suo spettacolo “Sugar”, vicino Milano, nonostante non si sentisse ancora bene e soltanto dalla notte successiva, riposando su una poltrona e rinunciando ad essere distesa è riuscita, poco a poco, a star meglio