X


Miriana Trevisan: il compagno Giulio Cavalli sotto scorta per difendersi dalla mafia

Scritto da , il Marzo 1, 2013 , in Personaggi Tv Tag:

text-align: center”>

MIRIANA TREVISAN: IL COMPAGNO GIULIO CAVALLI SOTTO SCORTA PER DIFENDERSI DALLA MAFIA – Ombre sulla relazione di Miriana Trevisan. La bella showgirl ha da poco tempo chiuso il matrimonio con Pago, il padre di suo figlio Nicola. Una separazione sofferta visto che i due si erano molto amati in passato, nonostante ultimamente fossero diventati inconciliabili. Tuttavia da qualche tempo la Trevisan ha ritrovato il sorriso insieme ad un altro uomo, l’ex consigliere regionale di Sel Giulio Cavalli. I due si sono conosciuti su Twitter perché la Trevisan era una seguace delle idee politiche dell’uomo. Dopo un po’ hanno cominciato a sentirsi ed è, poco a poco, sbocciato l’amore. Tuttavia Cavalli, che è anche attore e regista, vive da anni sotto scorta, avendo ricevuto delle minacce dalla mafia. Miriana parla di questa situazione che sembrerebbe l’unico neo alla sua felicità.

La Trevisan dice che non è stato affatto semplice abituarsi a vivere sotto protezione. Per lui però è pronta a correre qualsiasi rischio.  Grazie a Cavalli la donna ha ritrovato la felicità. I due si sono conosciuti in un momento difficile per entrambi, con complicate situazioni famigliari alle spalle ed hanno capito di poter costruire un legame, nonostante all’inizio la donna fosse turbata dal fatto di dover essere sempre sotto scorta. Così la donna si è sfogata su Visto, raccontando questo nuovo legame. “Ho conosciuto Giulio su Twitter, lo seguivo in quanto consigliere di Sinistra Ecologia e Libertà, ho iniziato a fargli i complimenti e poi abbiamo cominciato a sentirci ore ed ore al telefono” ha rivelato la donna.  E la Trevisan è anche contenta del fatto che sia suo figlio che quelli di Cavalli vadano d’accordo. Ma come mai l’uomo è sotto scorta? La vicenda risale al 2008, quando cominciano le minacce, le pallottole al suo indirizzo.

Cavalli, infatti, come attore si è sempre dedicato ad un teatro “civile”. Ha partecipato a spettacoli sulla figura di Peppino Impastato e, da quel momento, sono iniziati i problemi. Per combattere meglio la mafia, Cavalli è sceso in politica. Sicuramente anche per la Trevisan stare accanto ad una persona che vive questo dramma non deve essere facile ed è apprezzabile il suo sacrificio in nome dell’amore…