X


Zelig: Giovanni Vernia ripropone l’imitazione di Fabrizio Corona (dal carcere)

Scritto da , il Marzo 5, 2013 , in Personaggi Tv Tag:,
fabrizio corona zelig imitazione giovanni vernia

text-align: justify”>fabrizio corona zelig imitazione giovanni vernia

ZELIG, TORNA L’IMITAZIONE DI FABRIZIO CORONA A CURA DI GIOVANNI VERNIA – “Non continuerò a fare l’imitazione di Fabrizio Corona: prima vedrò come si evolverà la situazione e solo se ci sarà del materiale non banale, allora tornerò con questa imitazione, altrimenti è stato solo “un bel gioco durato poco“… E poi le battutine sul carcere non mi interessano, sono scontate”: ci eravamo congedati con Giovanni Vernia proprio con queste ultime parole che, a quanto pare, non sembrano proprio rispettate alla lettera.

Eh si, perché come ampiamente pubblicizzato da Canale Cinque e dai siti ufficiali Mediaset, ieri sera è andata in onda a Zelig una nuova puntata dell’imitazione di Fabrizio Corona (sempre curata da Giovanni Vernia, ovviamente) che si interfacciava allo studio – e all’intervistato Mago Forest – dalla cella dove sta scontando la sua pena. E, ci spiace dirlo, ma le battutine sul carcere sono sbucate eccome. Partendo dal carcerato comandato a scavare un varco di fuga, passando per lo scambio di battutine fra secondino e carcerato, senza dimenticare le mire affaristiche di Corona che ha cercato di organizzare un tour estivo (discoteche e centri commerciali) e un lancio di magliette a Benedetto XVI, corso in visita dall’ex re dei paparazzi.

Roba teoricamente già vista e stravista in “Belli Dentro, sitcom ambientata nel carcere di San Vittore dove troviamo protagonisti Geppi Cucciari, Brunella Andreoli, Alessandra Ierse, Claudio Batta, Stefano Chiodaroli, Alessandro Fullin e Leonardo Manera. Nomi di attori che hanno frequentato per molti anni lo stesso Zelig, tra l’altro. Per questa volta, l’idea non ci ha convinti molto e aver dichiarato il contrario a solo un paio settimana dalla messa in onda della gag in questione, è un aggravante.

Insomma, Vernia non può dichiarare “a testa alta” di aver fatto un buon lavoro. Proporre nuovi personaggi?