X


Tornati in Italia i quattro giornalisti Rai fermati in Siria. Amedeo Ricucci: “E’ stato un malinteso, stamo bene”

Scritto da , il Aprile 14, 2013 , in Personaggi Tv

text-align: center”>Tornati in Italia i quattro giornalisti Rai fermati in Siria

Sono stati liberati e sono rientrati in Italia i quattro giornalisti italiani fermati in Siria, nella zona di Aleppo, sabato 4 aprile. Lo ha annunciato ieri il ministro degli Esteri ad interim Mario Monti, spiegando che i reporter sono stati rilasciati e condotti in Turchia. In serata il ritorno in Italia: per Amedeo Ricucci, inviato della Rai, i freelance Elio Colavolpe e Andrea Vignali e la giornalista italo-siriana Susan Dabbous è la fine di un incubo durato oltre una settimana. I quattro giornalisti sono rientrati a bordo di un aereo speciale, un Falcon, atterrato all’aeroporto militare di Ciampino attorno alle 22 di sabato 13 aprile: ad accoglierli, oltre al segretario generale della Farnesina, ambasciatore Michele Valensise, erano presenti anche alcuni funzionari dell’unità di crisi e il direttore generale della Rai, Luigi Gubitosi.

Il reporter della Rai Amedeo Ricucci ha rassicurato tutti sullo stato di salute della troupe, che era in Siria per girare il domumentario Silenzio, si muore per la trasmissione Rai La Storia Siamo Noi. Ha poi spiegato che i giornalisti erano stati scambiati per spie e per questo trattenuti da un gruppo armato, che però non ha usato violenza contro di loro:

Stiamo tutti bene. Ci hanno trattato bene e non ci hanno torto nemmeno un capello (…) Eravamo in mano a un gruppo islamista armato che non fa parte dell’Esercito libero siriano. È stato un malinteso“.

Amedeo Ricucci ha poi raccontato altri particolari della detenzione durata nove giorni:

Ci hanno tenuti in posti diversi, per certi versi non delle vere e proprie prigioni, per altri aspetti sì

I quattro giornalisti, come spiegato dal vice ministro degli Esteri Staffan de Mistura, “sono stati trattenuti, non rapiti” da un gruppo armato non meglio precisato (secondo fonti locali potrebbe trattarsi dei ribelli qaedisti della Jabat an Nusra). La Farnesina e il premier Monti hanno ringraziato i media per aver rispettato il silenzio stampa sulla delicata vicenda. Dalla Rai sono arrivate le felicitazioni del presidente Anna Maria Tarantola, che ha espresso grande soddisfazione per il rientro in Italia dei quattro reporter.