X


Furia Sgarbi a In Onda Estate contro giornalista del Fatto Quotidiano: “Imbecille!” (VIDEO)

Scritto da , il Agosto 13, 2013 , in Programmi Tv Tag:,
La7, rissa durante In Onda Estate

text-align: center”>La7, rissa durante In Onda Estate

IN ONDA ESTATE, SHOW DI SGARBI IN DIFESA DI BERLUSCONI. Nervi tesi ancora una volta nel talk show estivo de La7, dove da qualche settimana parlamentari, giornalisti e opinionisti danno vita ad accesi dibattiti sui temi più caldi dell’attualità politica e non solo. Protagonista atteso della polemica del giorno, Vittorio Sgarbi, chiamato in trasmissione da Luca Telese per confrontarsi a tutto campo con David Pierluigi del Fatto Quotidiano, partendo dal nodo scottante della condanna in via definitiva di Silvio Berlusconi al processo Mediaset. Troppo, su un argomento così divisivo come la questione giustizia, assistere all’impennata dei toni negli studi televisivi, specialmente quando a discutere sono esponenti di opposta sensibilità, come appunto l’ex sindaco di Salemi ed il cronista del giornale di Padellaro e Travaglio.

LITE TRA VITTORIO SGARBI E DAVID PIERLUIGI A IN ONDA ESTATE. A lanciare il primo sassolino, in questo caso, non è stato il critico d’arte ferrarese, sempre pronto comunque ad far fuoco alle polveri di fronte ad eventuali provocazioni dell’interlocutore di turno: “Quella appena sentita mi sembra solidarietà tra pregiudicati, perché al pari di Silvio Berlusconi, costui è un pregiudicato, perché non si presentava al lavoro alla soprintendenza di Venezia ed è stato condannato nel 1996 per truffa aggravata ai danni dello Stato ha attaccato Pierluigi anticipando una domanda di Telese, con un effetto-valanga sulla discussione che non si è certo fatto attendere.

[imagebrowser id=8772]

“Io non parlo più con questo, non posso sentire queste cretinate!” ha sbottato Vittorio Sgarbi prima di alzarsi per abbandonare polemicamente la postazione, dirigendosi verso il giornalista del Fatto, apostrofato con qualche vocabolo difficilmente ripetibile. La calma è tornata a fatica nello studio de La7, grazie all’opera distensiva del conduttore che ha invitato ripetutamente i due ospiti duellanti ad attenersi all’argomento (la sentenza della Cassazione nei confronti del leader del Pdl) prestabilito alla vigilia del programma.

Dopo l’invettiva a colpi di “imbecille” e “c….one” messa in campo dal furioso Sgarbi, si è così potuti tornare a parlare della “parabola discendente” di Silvio Berlusconi, non senza altri intermezzi polemici dettati dalle profonde divergenze di opinioni tra i due ospiti dell’infuocata puntata di In Onda Estate. I cultori delle risse in tv, già soddisfatti nei giorni scorsi per le scaramucce scoppiate sia negli studi dell’emittente di Cairo che in programmi del servizio pubblico, potranno prevedibilmente continuare a seguire con attenzione i principali talk show nazionali, dove le crescenti tensioni politiche ed istituzionali scatenate dalle ultime vicende giudiziarie del Cavaliere tenderanno ad avere un’eco sempre più rumorosa.