X


Mi manda Rai Tre, nuova edizione: ogni giorno “in difesa dei cittadini” con Elsa Di Gati

Scritto da , il Agosto 11, 2013 , in Notizie Varie Tag:
Mi manda Raitre con Elsa Di Gati

text-align: center”>Mi manda Raitre con Elsa Di Gati

TORNA “MI MANDA RAITRE”, PROGRAMMA STORICO DEL SERVIZIO PUBBLICO. Sarà una donna, dopo 23 anni ininterrotti di conduzione al maschile, a salire sullo sgabello un tempo occupato da giornalisti del calibro di Piero Marrazzo, Luigi Necco e Andrea Vianello. Elsa Di Gati, non nuova a questo genere di programmi (recente l’esperienza di Codice a Barre, ideato dall’allora direttore Di Bella per andare incontro alle richieste dei consumatori, “orfani” dello spazio settimanale della terza rete), avrà a disposizione uno spazio quotidiano, della durata di un’ora, dove le inchieste giornalistiche sull’Italia degli sprechi e delle ingiustizie si alterneranno all’intervento diretto dei cittadini, con una formula a metà strada tra l’innovazione e la tradizione.

Mi manda Rai Tre prenderà il via il prossimo 23 Settembre, grazie all’iniezione di fiducia accordata alla nuova conduttrice dal numero uno della terza rete del servizio pubblico, anch’egli protagonista di passate edizioni della trasmissione simbolo della tv di denuncia dai toni forti e “senza filtri” per le opinioni dei partecipanti. A spingere nella direzione già intrapresa dai vertici dell’emittente, assicura la stessa Di Gati, ci hanno pensato migliaia di utenti della televisione di Stato, pronti a dar man forte al programma in preparazione a colpi di e-mail e lettere indirizzate alla redazione: “La valanga di messaggi che abbiamo ricevuto è un segnale importante, mi ha commosso” ha confessato l’ex spalla di Michele Mirabella a Cominciamo Bene, intervistata dall’agenzia Ansa.

[imagebrowser id=8763]

Col ritorno di Mi manda Rai Tre, una fetta di telespettatori in cerca di “tutela” dalle disavventure e dai soprusi perpetrati quotidianamente ai danni dei cittadini più indifesi in ogni angolo del Paese, troverà finalmente una sponda autorevole per le sempre attuali battaglie di “resistenza” contro i non pochi furbetti e truffatori di turno. L’esperienza di Elsa Di Gati nel campo del giornalismo d’inchiesta, maturata soprattutto negli ultimi anni di attività in tv, verrà messa alla prova nelle varie puntate che partiranno tra un mese e mezzo, ma l’obiettivo fissato alla vigilia dell’esordio è piuttosto ambizioso, come confermato a chiare lettere dalla diretta interessata: “Vorremmo mantenerci stabilmente sopra l’ 8-9% di share, puntando sul pubblico del mattino formato da casalinghe, pensionati, gente non impegnata al lavoro che ha maggiore bisogno di aiuto. I disguidi degli italiani con banche, assicurazioni, compagnie telefoniche ed altre forme di commercio “aggressivo” non sono certo destinate a diminuire da qui ai prossimi mesi (o anni), pertanto la materia prima per il lavoro di Mi manda Rai Tre difficilmente verrà a mancare.