X


Report 4 novembre, la terza Rivoluzione Industriale passa per Reggio Emilia

Scritto da , il 4 Novembre, 2013 , in Programmi Tv
Milena Gabanelli

text-align: center”>Milena Gabanelli

REPORT ANTICIPAZIONI PUNTATA DEL 4 NOVEMBRE – Nuova avvincente puntata quella di stasera di Report alle 21,05 su Rai Tre. E stasera 4 novembre Milena Gabanelli dedicherà gran parte della puntata al settore industriale avanzato, facendo un paragone tra Stati Uniti e Europa, passando ovviamente per l’Italia. In Usa infatti si sta assistendo a una nuova rivoluzione industriale grazie all’ausilio della tecnologia avanzata:  disegni un progetto, lo invii via web e i bit che fai viaggiare si materializzano a centinaia di migliaia di chilometri di distanza grazie alle stampanti in 3 d. Questa la nuova frontiera che sta attraversando la rivoluzione della manifattura negli Usa in cui si progetta in un posto e la merce si materializza dove serve senza l’ausilio di magazzini, nè più sovrapproduzione e costi bassi per far partire un’impresa con finanziamenti e leggi apposite da parte del Paese.

REPORT PUNTATA DEL 4 NOVEMBRE: IL CASO DI REGGIO EMILIA – Forse non tutti sanno che questa nuova metodologia che appartiene senz’altro a una “Terza Rivoluzione Industriale” è presente anche da noi, più vicino di quanto si pensi, a Reggio Emilia ma chi ha avuto coraggio e la visione di investire a differenza dagli imprenditori negli Usa, si trova da solo senza supporto dello Stato e neppure quello dell’Europa in cui a nessuno è venuto in mente di creare un sistema intorno a quest’innovazione. Report questa sera si chiederà il perché di questa incongruenza, del perché l’Europa stia viaggiando in maniera del tutto contraria.

[imagebrowser id=9726]

REPORT PUNTATA DEL 4 NOVEMBRE: TRA EUROPA E STATI UNITI – L’inchiesta di Report si svilupperà dunque stasera 4 novembre con un viaggio parallelo tra Stati Uniti e Europa tra politiche industriali e esperienze d’azienda.  Ciò che emerge è la totale assenza di un’Europa più integrata, che pensi come un unico soggetto politico e economico, che ottimizzi le proprie risorse, valorizzi le caratteristiche di ogni paese membro, che sia solidale con chi è in difficoltà. Se gli Stati Uniti d’America avessero i 50 stati in concorrenza, indebitati tra di loro infatti, con tassi di inflazione differenti, senza un’unica politica fiscale e un solo debito pubblico starebbero messi peggio dell’Unione Europea. Dunque perché  l’Unione sta percorrendo una strada controproducente a se stessa? Se ne parlerà approfonditamente stasera a Report a partire dalle 21,05 su Rai Tre.