X


Daria Bignardi: “Ho detto no alla Rai dove in passato mi censurarono”

Scritto da , il Gennaio 6, 2014 , in Personaggi Tv Tag:,

text-align: center”>

DARIA BIGNARDI: “HO DETTO NO ALLA RAI DOVE IN PASSATO MI CENSURARONO” – Il 17 Gennaio tornerà in prima serata il programma di Daria Bignardi “Le Invasioni Barbariche” su La7 e i primi ospiti illustri saranno Valeria Bruni Tedeschi e Mika. La conduttrice ha rilasciato un’intervista al Corriere della Sera in cui ha parlato della televisione, delle sue scelte, togliendosi anche qualche sassolino dalla scarpa. Ad esempio, rivela di aver detto di no alla Rai. “Ci ho pensato molto perché mi hanno fatto una gran bella proposta. Si sarebbe trattato di una striscia quotidiana e una prima serata. Ma, ho detto no perché sono affezionata alle Invasioni e avrei potuto portare solo due o tre persone che lavorano con me” ha rivelato la Bignardi. Lei ama il lavoro di squadra, dicendo che il bello della televisione è proprio il lavoro di gruppo, con i suoi pregi e i suoi difetti. Lei, che la televisione dice di non guardarla, seppur con qualche eccezione.

[imagebrowser=10356]

DARIA BIGNARDI, CENSURATA DALLA RAI – Infatti, un appuntamento immancabile è X Factor, che guarda insieme alla figlia e il sabato riesce a seguire anche Tv Talk, il programma di Rai Tre incentrato proprio sulla televisione. “Faccio la figura della snob e dell’antipatica, ma non guardo la tv. La vedo solo ad Agosto, in montagna , ma si vedono solo quattro canali”. Tuttavia, la Bignardi fa dei distingui. Ultimamente segue anche Masterpiece, il talent show letterario di Rai Tre, che a suo dire cerca di proporre qualcosa di nuovo. Lei e la Rai hanno avuto anche dei dissapori in passato. Nel 2009 era tornata alla tv di stato per condurre una sorta di copia de Le invasioni barbariche e cioè L’Era Glaciale. Una sua intervista a Morgan, in cui aveva parlato male di Silvio Berlusconi venne censurata e questo la portò ad andare via da Viale Mazzini ma, aggiunge, è convinta che ora in Rai i tempi siano cambiati e non succedano più queste cose