X


Cotto e Mangiato, la ricetta light del 25 febbraio 2014: la vellutata di funghi

Scritto da , il Febbraio 25, 2014 , in Programmi Tv Tag:,

text-align: center”>Cotto e mangiato

COTTO E MANGIATO, LA RICETTA DEL 25 FEBBRAIO: VELLUTATA DI FUNGHI

Cerchi un delizioso piatto light da servire a tavola come antipasto o come primo? Prova la gustosa vellutata di funghi presentata oggi nella cucina di Cotto e Mangiato da Tessa Gelisio, a Studio Aperto, su Italia 1. Facile da preparare, pronta in un quarto d’ora e buonissima!

INGREDIENTI. Un filo d’olio extravergine d’oliva, 1 scalogno, funghi champignon, un po’ di farina e del brodo vegetale (le dosi degli ingredienti indicate nella procedura per la preparazione sono da considerarsi per 4 persone, se il piatto viene servito come antipasto; se lo si vuole servire invece come primo, le dosi sono da considerarsi per 2 persone. Nella gallery fotografica sottostante sono disponibili le immagini che illustrano, dall’inizio alla fine, la realizzazione della pietanza).

Dopo il salto, la procedura per la preparazione.

Scopri la ricetta di COTTO E MANGIATO del 21 febbraio: la meravigliosa torta “cioccolatino”. Clicca qui

[imagebrowser id=11116]

PREPARAZIONE. Realizzare innanzitutto un soffritto scaldando in una padella un goccino d’olio extravergine d’oliva (Tessa consiglia di non eccedere poichè si tratta di una ricetta light), nel quale far appassire 1 scalogno tritato finemente (Tessa specifica che per la preparazione di questo piatto è più adatto lo scalogno rispetto alla cipolla, avendo un sapore più leggero). Aggiungere poi 250 grammi di funghi champignon tagliati a fettine sottili, da salare (in tal modo eliminano l’acqua). Coprire con un coperchio, abbassare la fiamma e lasciar cuocere bene. Al termine della cottura, togliere i funghi dalla padella ponendoli in una ciotola e tenendoli momentaneamente da parte: deve però rimanere in padella il loro sughetto. Riaccendere quindi il fuoco (basso), aggiungere 1 cucchiaio di farina al liquido dei funghi e mescolare a mano con la frusta per realizzare una sorta di cremina. Aggiungere successivamente (sempre mescolando) circa 300 millilitri di brodo vegetale (preparato con 1 dado biologico). Aggiungere subito dopo un altro po’ di farina, rimettere in padella anche i funghi (lasciandone da parte qualcuno per la decorazione finale), amalgamare ancora con la frusta e poi frullare il tutto nel mixer ad immersione. Impiattare la vellutata in 4 coppette monoporzione. Aggiungere i funghi lasciati da parte per decorarla e servirla come antipasto per 4 persone (o, in alternativa, come primo piatto, ma in tal caso le dosi di tutti gli ingredienti vanno raddoppiate; se il piatto viene servito come primo, ogni porzione ha solo 229 Kcal). Vellutata light: cotta… e mangiata!

Scopri la ricetta di COTTO E MANGIATO del 24 febbraio: cardi in umido. Buonissimi! Clicca qui