X


Fiorello, dimissioni lampo per lo showman: continuerà le cure a casa

Scritto da , il Marzo 10, 2014 , in Personaggi Tv Tag:

text-align: center”>

UNA SETTIMANA FA, L’INCIDENTE. Sono passati sette giorni dall’incidente che ha coinvolto l’ex assicuratore Mario Bartolozzi e Rosario Fiorello. Entrambi gravemente feriti ma non in pericolo di vita, sono stati condotti d’urgenza al Policlinico Gemelli. Il signor Bartolozzi ha riportato una frattura bilaterale a tibia e perone, una al bacino e una alla spalla. Edema cerebrale a seguito di trauma cranico per Fiorello. Lo showman, che non ricorda nulla di quello che è accaduto, è stato tenuto in osservazione per diversi giorni, soprattutto per monitorare le amnesie e l’edema riportato. Durante la degenza in ospedale, pare che il conduttore de L’Edicola abbia patito parecchio, soprattutto per le sofferenze arrecate alla vittima, Mario Bartolozzi, al quale ha voluto personalmente chiedere scusa. Attorno alla vicenda dell’incidente di Fiorello si è scatenata una vera e proprio bufera mediatica, che ha fatto scomodare persino Beppe Severgnini. L’illustre giornalista ha inteso più volte rimarcare l’inciviltà del popolo della Rete, definendo questa una Rete Minore.[imagebrowser id=11296]

FIORELLO FINALMENTE A CASA. Un quadro clinico decisamente compromesso soprattutto dallo stato d’animo dello showman. Per questa ragione, l’équipe medica di neurochirurgia guidata dal Prof. Giulio Maira (il medico che ha operato Lamberto Sposini, ndr) ne ha disposto le dimissioni secondo la modalità protetta. Fiorello sarà costantemente monitorato anche a domicilio ma, a quanto pare, la miglior medicina per lui sarà il contatto con i suoi familiari. In questi pochi giorni d’ospedale gli sono stati vicino, oltre alla moglie Susanna che non ha mai lasciato il suo capezzale, anche il fratello Beppe, che ha voluto annullare alcune date del suo tour teatrale per stare accanto al fratello. Un augurio di pronta guarigione per Fiorello, nella speranza di rivederlo presto alla conduzione della sua Edicola.