X


Sabrina Salerno si racconta a Verissimo: “Un incubo durato anni”

Scritto da , il Gennaio 29, 2021 , in Verissimo
foto Sabrina Salerno

Sabrina Salerno a Verissimo si racconta a cuore aperto: “Ho incontrato un uomo manipolatore”

Sabrina Salerno è una cantante e showgirl italiana, ed è stata di recente ospite nel salotto di Silvia Toffanin, Verissimo, dove ha rilasciato dichiarazioni parecchio pesanti. Un toccante passo della sua intervista riguarda gli inizi della sua carriera, quando Sabrina incontrò quello che poi sarebbe diventato il suo manager, oggi definito dalla stessa in termini molto negativi. “A 17 anni ho incontrato un uomo manipolatore, verbalmente violento, che cercava i miei punti deboli per colpirli e rendermi sempre più fragile…Mi ha fatto vivere un incubo per anni ha raccontato Sabrina Salerno, poi proseguendo come un fiume in piena: “Era una sorta di manager, che guadagnava da tutti i miei proventi. Mi ha rubato tantissimi soldi e ha fatto delle cose che non si possono nemmeno raccontare”.

Verissimo, Sabrina Salerno e l’incubo manager: “Ero controllata”

L’incubo di Sabrina Salerno è finito dopo qualche anno davvero difficile, infatti ha raccontato, ospite a Verissimo a cui è stata ospite anche Patrizia Mirigliani, di tutti gli impedimenti a cui è andata incontro: “Ero controllata, non potevo vedere nessuno e non potevo fare niente. Per lui ero la sua creatura e dovevo fare quello che mi diceva: ma su di me non aveva effetto e facevo il contrario”. Sabrina Salerno ne è poi venuta fuori a 24 anni, anche grazie all’aiuto degli avvocati, spiegando di aver vinto la causa dopo 11 anni che se i suoi soldi erano già stati dilapidati.

Sabrina Salerno racconta del furto dei dati a Verissimo: “Hanno preso le foto di mio figlio”

In tempi recenti, Sabrina Salerno è stata anche vittima di un furto dell’identità digitale, di cui ha parlato a Verissimo nel salotto di Silvia Toffanin. “Mi hanno rubato le foto dal mio profilo e le hanno postate su un social russo che non conoscevo. Poi hanno preso anche le foto di mio figlio e hanno scritto delle frasi molto volgari, lasciando intendere che io avessi dei rapporti speciali con lui, che tra l’altro è ancora minorenne”. Sabrina è stata costretta a rivolgersi alla polizia postale nel tentativo di recuperare l’identità del ladro, anche se il social risponde in modo poco collaborativo alla postale ed il caso non è ancora risolto.