X


Raffaele Renda parla di Arisa: “Mi ha aperto un mondo, è stata un’amica”

Scritto da , il Giugno 30, 2021 , in Amici di Maria De Filippi
foto Raffaele Renda Arisa Amici

Raffaele Renda parla del rapporto con Arisa nato ad Amici 20: “Ho trovato una mentore”

Raffaele Renda, ex allievo della scuola di Amici 20 nonché cantante della squadra di Arisa, nelle ultime ore è stato intervistato in esclusiva su Instagram da Tu Style Magazine dove ha parlato dell’importante rapporto che lo lega alla sua coach. Arisa ad Amici ha sempre difeso a spada tratta Raffaele, spesso punzecchiato da Rudy Zerbi che non lo riteneva idoneo a partecipare al Serale. A Tu Style Magazine, Raffaele Renda su Arisa ha dichiarato: “

Nella prima parte del mio percorso ad Amici ho trovato in Arisa la mia mentore, parlo della prima parte perché nella seconda ho avuto il supporto anche di Lorella Cuccarini. Arisa è stata sempre lì, presente(…)Mi ha aperto un mondo, è un’amica”

Amici, Raffaele Renda confessa: “Le critiche non costruttive non mi toccano”

Raffaele Renda a Tu Style Magazine ha anche raccontato come vive le critiche e come le supera. Il talento di Raffaele ad Amici non è stato mai messo in dubbio, ma spesso è stato criticato da Rudy Zerbi per essere stato poco emotivo ed emozionante. Il cantante è stato criticato poi, dal pubblico, anche per la sua storia con Martina Miliddi che sembra procedere a gonfie vele, e dunque Raffaele ha raccontato il suo rapporto con commenti spesso negativi spiegando:

“Ho questa capacità di scindere le cose negative da quelle positive sennò non vivrei più bene. Ad oggi le critiche, soprattutto quelle non costruttive, non mi toccano”

 

Raffaele Renda ricorda la partecipazione a Sanremo Young: “Esperienza positiva”

Prima di entrare a far parte della scuola di Amici 20, Raffaele Renda a diciassette anni ha partecipato a Sanremo Young. Nonostante non sia andato molto avanti nella gara, Raffaele Renda ricorda quell’esperienza con molta serenità e, in diretta con Tu Style Magazine, ha spiegato:

“È stata un’esperienza positiva perchè cantare su un palco di quel calibro a diciassette anni è veramente una botta allo stomaco. Mi ha insegnato tanto a gestire l’ansia”