E’ morto Riccardo Schicchi, regista ed ex marito di Eva Henger

By on dicembre 9, 2012
Riccardo Schicci

Riccardo Schicchi è morto: il noto fotografo, ma anche regista,  imprenditore e produttore si è spento questa mattina all’Ospedale di Roma Fatebenefratelli dopo una lunga malattia; accanto a lui l’ex moglie Eva Henger. Negli ultimi mesi le sue condizioni si erano aggravate a causa di un coma diabetico mellino verificatosi nei mesi precedenti, e da cui è seguita la cecità. Il decesso è avvenuto stamane ma la notizia è stata data solo pochi minuti fa tramite Twitter e molti sono stati i messaggi di affetto e di cordoglio per l’ex moglie Eva Henger che gli è stato accanto fino a questa mattina.

eva-henger

Riccardo Schicchi ha iniziato la sua carriera nel campo della fotografia, per poi approdare nel mondo per adulti. E’ noto per aver scoperto personaggi come  Ilona Staller, in arte Cicciolina con cui ha condotto “Voulez-vous coucher avec moi” per l’emittente Radio Luna. Cicciolina, inoltre, è stata protagonista di “Cicciolina Amore Mio” e altre pellicole che l’hanno resa famosa, sempre dirette da Schicchi. Tra le sue scoperte anche Moana Pozzi. L’ultima scoperta è stata quella di Eva Henger sposata il 9 gennaio del 1994 da cui ha avuto due figli, Mercedes e Riccardino. Nonostante la separazione e l’addio a quel genere di film la Henger è stata al suo fianco fin dalla scoperta della malattina mettendo da parte, anche, molti impegni lavorativi.

Il mondo dello spettacolo piange un grande uomo e un grande professionista. La Redazione de LaNostraTv esprime cordoglio alla famiglia di Riccardo Schicchi.

About Federico Ranauro

Nato e residente in provincia di Salerno ma da cinque anni vive a Parma. Ha conseguito la laurea triennale in Scienze della Comunicazione e la specializzazione in Giornalismo e cultura editoriale presso l’Università di Parma. Ha la passione per la scrittura e lavora come giornalista da circa tre anni, in particolare nel settore sportivo e televisivo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *