X


Laura Pausini contro l’omofobia: la cantante difende i diritti dell’amore universale

Scritto da , il Maggio 15, 2015 , in Personaggi Tv Tag:,
foto cantante Laura Pausini

E’ da poco terminato la replica del concerto evento “Stasera…Laura” condotto dalla cantante romagnola che ha ospitato i cantanti italiani più amati da Noemi a Malika Ayane, passando per Marco Mengoni, Emma Marrone, Biagio Antonacci, Raf e Claudio Baglioni con i quali, oltre a duettare, ha raccontato parte della sua vita e tenuto sketch esilaranti (foto d’apertura: gentevip.it).

In questa speciale serata, però, a differenza dello scorso anno sono andate in onda delle immagini inedite che erano state tagliate lo scorso anno dalla prima messa in onda dello spettacolo per ovvie ragioni dovute alla pioggia abbattutasi su Taormina durante le ore dello show che ha reso alcune riprese praticamente inutilizzabili.

Conscia della situazione, però, la Pausini non ha rinunciato a deliziare i suoi fan dei suoi successi che per il suddetto motivo non sono potuti andare in onda e dunque ha deciso di dedicare un momento finale bis raccogliendo in un medley a cappella le canzoni più significative della sua carriera da “Resta in ascolto” a “Una Storia che vale” passando per “La geografia del mio cammino” e “She (uguale a lei)”, ma quella che senz’altro sarà rimasta negli occhi e nelle orecchie di milioni di telespettatori è il forte messaggio sensibilizzatore su “Incancellabile“.

Pezzo evergreen della discografia Pausiniana, da sempre un must tra le canzoni d’amore da dedicare che stavolta Laura ha utilizzato per far trapelare dinanzi milioni e milioni di telespettatori un messaggio chiaro, forte e conciso che in questo momento storico è fondamentale: “Stop all’omofobia, perché” – continua – “l’amore è uno, non importa uomo con uomo, donna con donna o uomo con donna. Lasciate che chiunque ami chi sente il bisogno d’amare“.

Con parole forti e sincere Laura si schiera a favore della causa contro l’omofobia concludendo così il suo spettacolo con cui lo scorso anno celebrava in quel di Taormina i suoi 20 anni di carriera consumati sui più grandi palchi del mondo e con il pubblico che non l’ha mai tradita e che anche sotto la pioggia come a San Siro, come in Sicilia, non l’abbandona.