X


Il Collegio: Giancarlo Magalli torna in prima serata. La sfida

Scritto da , il Dicembre 31, 2016 , in Programmi Tv Tag:, ,
Giancarlo Magalli

Giancarlo Magalli riconquista il prime time con Il Collegio: dettagli e anticipazioni

Parte lunedì prossimo ed avrà il compito di inaugurare il palinsesto del 2017 di Rai 2. Stiamo parlando di un programma che desta molta curiosità già prima del suo inizio. E’ il nuovo docu-reality di Rai 2 intitolato Il Collegio. Il programma andrà in onda a partire da lunedì 2 gennaio, per 4 settimane, in prima serata su Rai 2. Dopo Il Grande Fratello, che nel 2000 era nato come esperimento sociale, tocca nel 2017 a Il Collegio. Il programma avrà come voce narrante della storia a cui assisteremo uno dei volti storici della Rai: Giancarlo Magalli. Il nuovo programma di Rai 2 avrà come protagonisti 18 ragazzi che verranno rispediti indietro nel tempo fino agli anni sessanta. I 18 teenager approderanno nel Collegio Convitto di Celana a Caprino Bergamasco dove verranno sottoposti ad un’esperienza educativa diversa da quella di oggi.

Il Collegio al via lunedì con Giancarlo Magalli su Rai2: ecco come sarà

Al via lunedì prossimo alle 21.10 su Rai 2 il nuovo docu-reality intitolato Il Collegio. Il programma avrà come voce narrante della storia Giancarlo Magalli. I 18 ragazzi che verranno rispediti nel 1960 dovranno subire l’educazione dell’epoca. Dopo Non è Mai Troppo Tardi del Maestro Manzi, trasmissione che negli anni 60 assunse il compito di alfabetizzare gli Italiani. Grazie al Maestro Manzi milioni di Italiani presero la licenza elementare. Nel 2017 la Rai propone Il Collegio. La trasmissione avrà come obiettivo quello di far ottenere ai ragazzi la licenza della scuola media del 1960, con le discipline e il sapere dell’epoca. La trasmissione proporrà un metodo educativo alternativo; un ritorno alla vecchia scuola dove gli studenti dovranno avere una bella calligrafia, imparare le poesie a memoria e sopratutto svolgere tutti i compiti quotidiani senza l’uso di mezzi tecnologici. Fare approfondimenti senza l’uso di Wikipedia o traduzioni senza l’uso di vocabolari online di Latino o altre lingue.