X


Isola, Andrea Marcaccini contro la produzione: volano insulti

Scritto da , il Febbraio 1, 2017 , in Personaggi Tv Tag:,
Andrea Marcaccini

Andrea Marcaccini nella bufera: gli insulti rivolti alla produzione de L’isola dei famosi

Non c’è pace per il neo naufrago Andrea Marcaccini: ma se la denuncia che la sua ex fidanzata gli ha rivolto è una questione ancora tutta italiana, e non è ancora arrivata alle orecchie di Marcaccini, lui è stato travolto oggi da un’altra bufera. Andrea è stato infatti protagonista di una vera discussione nei confronti del programma de L’isola dei famosi, in seguito ad una decisione da parte della produzione di privare i sei naufraghi appartenenti a ‘L’isola primitiva’ del kit di soppravvivenza basilare. In realtà, questa non doveva destare nessuna sorpresa: da tempo ormai tutti sanno che quest’anno L’isola è un isola evolutiva, strutturata quindi dal passaggio da uno status critico, che appunto contraddistingue l’isola primitiva, fino ad uno con più comodità. In diretta ieri sera, ben sei naufraghi, dopo aver perso la sfida di intelligenza, sono stati obbligati a passare l’intera settimana lontani da ogni agio.

L’isola: Andrea Marcaccini insulta la produzione

A tale scelta da parte della produzione de L’isola dei famosi, Eva Grimaldi, Massimo Ceccherini, Raz Degan, Dayane Mello, Samantha De Grenet e Andrea Marcaccini, i quali sono stati destinati a L’isola primitiva, hanno voluto ribadire la loro situazione svantaggiosa, fino agli insulti che Marcaccini ha rivolto al programma, una volta scoperta la privazione:

“No, pezzi di Mer*a! Ci hanno preso la tenda!”

Anche il secondo gruppo, ovvero quello composto dagli evoluti, che dovrebbe quindi essere più avvantaggiato, ha palesato comunque il suo scontento. Infatti i rimanenti naufraghi, che possono comunque dormire al riparo all’interno di una caverna, si aspettavano che fosse previsto pure del cibo, il quale invece è da subito mancato. Si sono quindi dati subito da fare, tra cui, tra tutti, è spiccata l’energia di Moreno, il quale è stato il primo ad incentivare il gruppo a rimboccarsi le maniche.