Detto Fatto del 26 febbraio 2015: ciambellone fruttato e riso con patate e cozze

By on febbraio 26, 2015
foto ciambellone

Eccoci qua, puntuali come sempre, per realizzare assieme le ricette protagoniste della puntata odierna di Detto Fatto. Ieri si è realizzata una sfida culinaria tutta siciliana che ha visto protagoniste le arancine e, come giudice imparziale, Fabio Potenzano; gli sfidanti sono stati Piero e Gabriele, ossia, rispettivamente, miglior amico e fratello dello chef precedentemente nominato. Oggi il programma, per recuperare dall’assenza di ieri di veri tutorial culinari, ha servito a tutti noi ben due ricette. E che ricette!

Dopo la zuppa inglese di martedì preparata per noi da Franco Aliberti, oggi la cucina di Detto Fatto ha ospitato un altro maestro pasticcere: Alessandro Servida; quest’ultimo, esperto del cambio cook, ci ha stravolto in diretta un ciambellone classico rendendolo molto speciale e particolare. Come sempre gli ingredienti necessari potete annotarli sfogliando la gallery, noi passiamo subito all’azione.

Per l’impasto montate il burro precedentemente ammorbidito con lo zucchero, la vaniglia e il limone; una volta montato, aggiungete a filo le uova precedentemente miscelate alternandole con la farina setacciata e il lievito. Una volta messa tutta la farina, prendete una parte dell’impasto e, da parte, aggiungeteci un cucchiaio di crema nera amalgamando bene il tutto. Quest’ultima si ottiene miscelando in un tegame il cacao con lo zucchero, unite l’acqua mescolando con un frustino; portate il composto a bollore e mettete in frigo per farla raffreddare.

foto_ciambellone_01

Ora riempite due sac a poche: una con l’impasto bianco e l’altra con la crema nera. Prendete uno stampo (precedentemente imburrato e infarinato) e versateci il composto bianco creando uno strato; ora, al centro, inserite la crema scura che andrà successivamente coperta con quello chiaro. Con l’aiuto di un bastoncino da spiedino, fate dei cerchi in modo tale da variegare l’impasto; infornate a 170° per 45 minuti. Una volta sfornato, fate raffreddare e, sempre con l’aiuto di un bastoncino, fate dei fori sulla ciambella; quest’ultimi saranno utili per inserire la confettura di lamponi. Mettete la confettura sulla parte superiore della vostra ciambella, appoggiateci i frutti di bosco e ultimate con una spolverata di zucchero a velo. Detto Fatto: ciambellone fruttato.

La seconda ricetta di oggi ci è stata fornita da Fabio Pisani che, dopo gli spiedini di manzo con crema di peperoni di inizio settimana preparati da Matteo Torretta, ci ha realizzato un primo piatto in versione non tradizionale: riso, patate e cozze. Sbucciate, tagliate a dadini e sbollentate le patate; tagliate i pomodorini a metà, disponeteli su una placca da forno e cospargeteli con pecorino, prezzemolo e basilico. Fate gratinare quest’ultimi in forno per 5-6 minuti e nel frattempo cuocete la cipolla in olio e brodo vegetale dopo averla frullata. Cuocete il riso per 7 minuti, aggiungete la cipolla e lasciate asciugare. Aprite ora le cozze pelose, prelevate il mollusco e non vi rimane che comporre il piatto: prendete un coccio di terracotta e alternatevi all’interno uno strato di riso con uno strato di pomodori gratinati, patate, cozze, basilico e pecorino; versate l’acqua delle cozze nella pentola, spolverizzate con il pangrattato e fate gratinare il tutto in forno per 15 minuti a 180°. Detto Fatto: riso, patate e cozze di Fabio Pisani.

A domani!

About Alessandro Petroni

Nato a Roma il 19 Febbraio 1988, è laureato in Psicologia Clinica e laureando in Sessuologia e Psicologia della Devianza. E' un appassionato di televisione, musica, cinema e tutto ciò che gira attorno a queste forme d'arte, compreso il gossip. Amante dei reality e talent show, si diverte a criticare e scrivere sul mondo dello spettacolo sempre con professionalità.

One Comment

  1. Arianna

    febbraio 26, 2015 at 18:03

    Ma quello che ha sparato il riso papate e cozze di oggi e di New York o solo inventa ricette?????? Fallo venire da una barese vera che lo umilio!!!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *