X


Yuri Gordon: la svolta e l’arrivo a Selfie-Le cose cambiano

Scritto da , il Novembre 21, 2016 , in Personaggi Tv Tag:, ,
foto primo piano Yuri Gordon

Yuri Gordon giudice a Selfie: il cambiamento nella sua vita

C’è chi di gavetta ne ha fatta tanta e chi ha semplicemente avuto molta meritata fortuna: uno di questi è senza dubbio Yuri Gordon, nuovo volto di Canale 5 a partire da stasera, perchè membro fisso nel cast di Selfie-Le cose cambiano, la nuova attesissima trasmissione condotta da Simona Ventura. Ex cameriere, Yuri Gordon è diventato famoso divenendo letteralmente una vera e propria star del web. Come rivelato da lui stesso in una recente intervista uscita su Vanity Fair, durante la sua ‘carriera’ di cameriere non pensava minimamente di poter fare altro e soprattutto non immaginava che i video lo avrebbero reso celebre in futuro. “Ce la posso fare anch’io” si è detto un bel giorno guardandosi attorno e iniziando il suo nuovo percorso con i Vine perchè “era una cosa facile e non serviva granchè saper parlare”. Da lì la sua strada è stata tutta spianata perchè è diventato il viner più seguito in Italia!

Selfie-Le cose cambiano: Yuri Gordon e la scalata verso il successo

Una popolarità arrivata all’improvviso quella di Yuri Gordon (al secolo Yuri Sterrore, 25 anni), che da stasera alle 21.15 su Canale 5 per 6 settimane avrà la possibilità di farsi conoscere ancora meglio dal grande pubblico, ricoprendo il ruolo di giudice in quel di Selfie, accanto a Simona Ventura. Altri giudici del programma della ‘Mona’ nazionale sono Tina Cipollari, Aldo Montano, la marchesa Daniela Del Secco D’Aragona e Paola Caruso. Le tre coppie di mentori sono formate invece da Stefano De Martino-Mariano Di Vaio, Alessandra Celentano-Simone Rugiati e Ivan Zaytsev-Katia Ricciarelli. La prima puntata di Selfie (registrata alcune settimane fa) si preannuncia scoppiettante, visto il furioso litigio tra la Cipollari e la Ricciarelli (quest’ultima lascerà lo studio) e la caduta di Tina durante un incontro-scontro con Gemma Galgani, ospite speciale.