X


Detto Fatto: la millefoglie espressa di Alessandro Servida

Scritto da , il Maggio 4, 2017 , in Programmi Tv Tag:, ,
foto millefoglie espressa

Ricette Detto Fatto: Alessandro Servida prepara la millefoglie espressa

Nuovo appuntamento con Detto Fatto. Per salutare in bellezza i telespettatori, in attesa del ritorno in tv il 29 maggio, Caterina Balivo ha affiancato Alessandro Servida che ha preparato la millefoglie espressa. Il dolce di oggi, realizzato in diretta dal pasticcere, è perfetto da presentare in tavola a fine pasto in una occasione speciale. Gli ingredienti necessari per realizzare la base del dolce del 4 maggio a Detto Fatto sono 1 rotolo di pasta sfoglia senza glutine e zucchero a velo quanto basta. Per il ripieno del dessert occorrono 300 grammi di panna e 120 grammi di confettura di lamponi. Per la dadolata di fragole bisogna avere in dispensa 3 fragole e 1 cucchiaino di marmellata di lamponi. Infine per la decorazione servono: 7 lamponi, 2 fragole e zucchero a velo.

Detto Fatto, il dolce di Alessandro Servida: millefoglie espressa

Alessandro Servida ha preparato oggi a Detto Fatto la millefoglie espressa. Per realizzare il dolce partire dalla base. Stendere la pasta sfoglia su una teglia, bucherellare con una forchetta e spolverare con lo zucchero a velo. Cuocere a 210 gradi per 20 minuti. Nel frattempo montare la panna con la confettura di lamponi. In un recipiente a parte unire le fragole, tagliate a dadini, con la marmellata di lamponi. A questo punto comporre il dolce. Creare dei dischi di pasta sfoglia con un diametro di circa 14 centimetri. Adagiare il primo strato e riempire con la panna ai lamponi. Al centro mettere la dadolata di fragole. Fare un altro strato e terminare con la pasta sfoglia. Infine decorare con lo zucchero a velo, i lamponi e le fragole. In alternativa alla millefoglie espressa di Alessandro Servida, proposta oggi, giovedì 4 maggio, a Detto Fatto, i più golosi possono provare anche le cocotte di fragole di Franco Aliberti, preparate ieri su Rai 2. Un dessert sfizioso e delicato per mettere d’accordo tutti i palati.