X


Storie Italiane, Raffaele Paganini: “Queste cose ti fanno male”

Scritto da , il 7 Ottobre, 2019 , in Interviste
Foto Raffaele Paganini Storie Italiane

Raffaele Paganini sugli scandali nel mondo della lirica: “Storie che fanno male”

A Storie Italiane Eleonora Daniele è tornata ad accendere il fuoco dell’indignazione sugli ultimi fatti di cronaca oltre a parlare anche degli scandali nel mondo della lirica che hanno coinvolto Placido Domingo e Vittorio Grigolo. Il tribunale televisivo, nonché social, non dovrebbe mai interferire con la vita dei protagonisti perché si è sempre innocenti fino a prova contraria. Ospite del salotto di Rai1 il grande ballerino Raffaele Paganini che ha voluto dire la sua su questo tema delicato:

“Importante capire dov’è la verità. E’ molto pericoloso quando si è a quei livelli. Una cosa piccola può diventare enorme […] queste sono storie che ti toccano e ti fanno male”.

A lui non è mai capitato e non gli è mai capitato di dover difendere una ballerina in un caso di molestie: “Nel nostro mondo è difficile è difficile capire chi ti tocca con intenzioni strane oppure no”.

Storie Italiane, Raffaele Paganini confessa: “La danza? Non l’amavo”

Ha danzato con i migliori ballerini e le migliori ballerine nei teatri più prestigiosi del mondo, Raffaele Paganini, e oggi a Storie Italiane da Eleonora Daniele (che ha commesso una clamorosa gaffe) ha ripercorso la sua scintillante carriera confessando che da piccolo “la danza non l’amavo, come tutte le cose che non conosci” e di essere l’ottavo di ben undici figli: “I miei genitori erano dei pazzi scatenati. Quanta incoscienza, meravigliosa incoscienza”.

Eleonora Daniele scherza con il figlio di Paganini: “Mi gira già la testa”

Nel corso dell’intervista a Raffaele Paganini a Storie Italiane è entrato in studio il figlio Luca (di ventisei anni) che lo ha fatto palleggiare abilmente con la testa. Poi il padre l’ha sfidato facendo una piroetta. Eleonora Daniele ha scherzato con il figlio spingendolo ad acccetare la sfida, dicendo: “A me gira già la testa”.