X


Vieni da me, Caterina Balivo fa una gaffe. Ospite: “Ho 30 anni, non 20!”

Scritto da , il 18 Febbraio, 2020 , in Programmi Tv
foto Caterina Balivo 18 febbraio

Caterina Balivo fa una gaffe con un’ospite a Vieni da me: “Hai 20 anni…”. Lei: “No, ne ho 30”

Gaffe di Caterina Balivo nella puntata di Vieni da me di oggi, martedì 18 febbraio 2020. Nello spazio dedicato alle ‘domande scottanti’, ha infatti commesso un errore sull’età di una degli ospiti, facendo una piccola figuraccia. A raccontarsi sono stati Alessandro Tiberi e Aurora Ruffino, che questa sera saranno protagonisti, su Rai1, della commedia ‘Al posto suo’, facente parte del ciclo ‘Purchè finisca bene’. Alla Ruffino Caterina Balivo ha chiesto quanti fidanzati ha avuto. L’attrice a tale domanda ha risposto affermando: “Di storie importanti ne ho avute tre”. Dunque la conduttrice di Vieni da me ha commentato: “Ma hai ancora vent’anni…”. “No, veramente ne ho trenta…” ha subito replicato la Ruffino, davanti ad una sbalordita Caterina Balivo, che si è detta convinta che avesse vent’anni.

Vieni da me Caterina Balivo, gag con un ospite: “Doppio stipendio per te?”

Con Alessandro Tiberi Caterina Balivo (attualmente in pole per entrare nel cast di Ballando con le stelle 2020) si è invece resa protagonista di una divertente gag. L’attore, parlando del film di stasera, ha infatti spiegato che interpreta due gemelli. “Hai preso un doppio stipendio quindi?” gli ha chiesto la conduttrice, ma Tiberi ha negato scherzosamente, affermando: “No. Interpreto due fratelli, uno ricco e uno povero. Mi sono fatto pagare solo per il ricco!”.

Caterina Balivo intervista Alessandro Tiberi e Aurora Ruffino a Vieni da me: “Una cosa bruttissima!”

Tiberi a Vieni da me ha poi raccontato di essere stato scelto, in passato, per interpretare un ruolo in un film ma, al momento di iniziare a girare, ha scoperto che il film era già in fase di ripresa con un altro attore. “Sono cose che capitano” ha affermato a tal proposito, mentre Caterina Balivo, sorpresa per tale rivelazione, ha asserito: “Questa è una cosa bruttissima!”.