X


Gerry Scotti riparte con Caduta libera e ammette: “È straniante per noi”

Scritto da , il 7 Luglio, 2020 , in Personaggi Tv
Foto Gerry Scotti triste

Gerry Scotti riparte con le registrazioni di Caduta libera e fa una confessione

Bisognerà attendere ancora qualche mese per rivedere nella fascia preserale di Canale5 Caduta libera. Il game show condotto da Gerry Scotti andrà in onda infatti settembre, mentre Paolo Bonolis allieterà il pubblico della rete ammiraglia dalle 18.45 alle 20.00 per tutta l’estate. In queste settimane però Gerry Scotti è ripartito con le riprese della prossima edizione di Caduta libera, che si concluderanno a luglio, e tra le novità ci sarà un pubblico ridotto, nel rispetto delle norme per il contenimento del coronavirus. Gerry Scotti ha rotto il silenzio sulle pagine del settimanale Tv Sorrisi e Canzoni facendo delle rivelazioni inaspettate:

“Anche se è straniante per noi che facciamo spettacolo avere meno pubblico in studio, qualche sacrificio si può e si deve fare”.

Anticipazioni Caduta libera, Gerry Scotti svela: “Ci sono nuove regole da rispettare”

Il pubblico ridotto, con persone a distanza di un metro e mezzo, non sarà l’unica novità di Caduta libera. Gerry Scotti ha sottolineato:

“Ci sono nuove regole da rispettare, ma l’uomo è un animale che si sa adattare a ogni situazione”.

Tra le novità di Caduta libera ai tempi del Covid ci sarà il divieto di assembramenti nei camerini, truccatrici e parrucchiere avranno visiere protettive e grembiuli monouso. Il pubblico di Caduta libera indosserà la mascherina fino a un secondo prima dell’inizio delle riprese e i concorrenti avranno un kit con i dispositivi di sicurezza.

Gerry Scotti si sfoga: “Il terrore, la paura, i dietrofront sulle decisioni”

Nonostante le misure di distanziamento sociale, Caduta libera continuerà a far divertire il pubblico di Canale5. Gerry Scotti, al quale ha risposto la d’Urso di recente, ripercorrendo gli ultimi mesi vissuti dagli italiani si è sfogato, ammettendo:

“Abbiamo vissuto varie fasi della pandemia: il terrore, la paura, le prime decisioni, i dietrofront sulle decisioni. Abbiamo messo i guanti e persino i calzari all’inizio […] Credo che alla fine si possa affrontare tutto con serenità”.