X


Alberto Matano, sfogo in diretta: “Mentre lavoriamo veniamo interrotti”

Scritto da , il 30 Settembre, 2020 , in Personaggi Tv

La vita in diretta, collegamento disturbato. Alberto Matano si sfoga: “Stiamo lavorando e veniamo interrotti”

All’inizio della puntata di oggi de La vita in diretta, Alberto Matano ha passato la parola all’inviata Donatella Cupertino, la quale, fuori dalla Corte di appello di Roma, doveva annunciare ai telespettatori di Rai1 la sentenza della condanna della famiglia Ciontoli per l’omicidio volontario con dolo eventuale di Marco Vannini, il ventenne morto per un colpo di arma da fuoco la notte tra il 17 e il 18 maggio del 2015. Qualcosa nel collegamento, però, è andato storto. Molti di voi avranno già capito: sì, si tratta ancora una volta di Gabriele Paolini, il noto disturbatore dei servizi televisivi, il quale è intervenuto ancora una volta alle spalle dell’inviata, costringendo Alberto Matano a uno sfogo:

Torniamo in diretta, torniamo in diretta! Noi stiamo facendo il nostro lavoro e purtroppo veniamo interrotti.

Queste le parole del conduttore per motivare la sospensione del collegamento con Donatella Copertino.

Alberto Matano a La vita in diretta: “Ripristineremo il collegamento più avanti”

Gabriele Paolini, quest’oggi all’inizio de La vita in diretta, ha messo in atto l’ennesima delle sue purtroppo celebri azioni di disturbo televisivo, in questo caso potremmo dire del servizio pubblico, dato che l’argomento trattato era molto serio, l’omicidio volontario con dolo eventuale di Marco Vannini da parte di Antonio Ciontoli, e trattandosi della Rai. Alberto Matano, dunque, costretto a interrompere il collegamento con l’inviata Donatella Copertino, ha dovuto in questo modo avvertire i telespettatori:

Torneremo più avanti: ripristineremo il collegamento con Donatella Copertino.

La vita in diretta, Alberto Matano: “Vi devo dire la sentenza d’appello”

Alberto Matano, che di recente aveva manifestato la sua felicità sui social, nella puntata di oggi de La vita in diretta, dopo l’azione di disturbo da parte di Gabriele Paolini, ha dovuto sostituirsi all’inviata nel compito di annunciare ai telespettatori la sentenza della Corte d’appello di Roma sul caso Vannini:

Vi devo dire, come stava dicendo Donatella Copertino, la sentenza d’appello.