X


Unomattina, Alessandro Gassmann su Io ti cercherò: “Dramma profondo”

Scritto da , il 5 Ottobre, 2020 , in Interviste
foto Unomattina Alessandro Gassmann Io ti cercherò

Io ti cercherò, Alessandro Gassmann svela a Unomattina: “Valerio subisce il dramma più profondo”

Un dramma profondo e innaturale sarà al centro della nuova fiction di Rai1 Io ti cercherò. A Unomattina Alessandro Gassmann, che nella serie tv interpreta l’ex poliziotto Valerio, ha parlato del suo personaggio, svelando:

“Io ti cercherò è una serie alla quale sono molto legato, racconta la storia di un uomo relegato ai margini della società che subisce il dramma più profondo che un essere umano possa vivere: la perdita del figlio. Una cosa innaturale”.

Alessandro Gassmann, che in Io ti cercherò sarà affiancato da Maya Sansa e Andrea Sartoretti, ha poi raccontato che la morte del figlio lo costringerà a cercare di capire chi fosse veramente Ettore. L’attore romano ha sottolineato che la nuova serie di Rai1 gli ha permesso di confrontarsi con un “gruppo di lavoro eccezionale” su una sceneggiatura bellissima.

Alessandro Gassmann sulla nuova fiction di Rai1 Io ti cercherò: “Serie piena di sorprese”

A Unomattina Alessandro Gassmann ha parlato anche del personaggio interpretato da Maya Sansa, Sara. L’attrice, che ha fatto una confessione sulla fiction, veste i panni di una collega di Valerio, che lo aiuterà a lenire il dolore per la morte del figlio Ettore. “Grazie al personaggio di Maya Sansa, Valerio riuscirà ad aprire una fessura di luce e trovare il coraggio di accettare se stesso”. Queste le parole di Alessandro Gassmann che ha anticipato su Io ti cercherò:

“È una serie piena di sorprese, di personaggi misteriosi, girata in una periferia romana molto credibile”.

Anticipazioni Io ti cercherò prossima serie tv Rai1, Alessandro Gassmann lancia un messaggio

In attesa della prima puntata di Io ti cercherò, Alessandro Gassmann ha voluto lanciare un messaggio, dichiarando a Unomattina: “Serie che mi piace dedicare ai figli e ai genitori, e fare la richiesta di non abdicare al ruolo di genitori”.