Temptation Island 2 batte Super Quark: i sentimenti vincono sulla scienza

By on giugno 26, 2015
Foto Temptation Island 2

La prima puntata della seconda edizione di Temptation Island condotta da Filippo Bisciglia vince gli ascolti della serata di ieri giovedì 25 giugno con 3.470.000 telespettatori e il 16,32% di share battendo l’appuntamento con la scienza condotto da Piero Angela Super Quark che totalizza 2.907.000 telespettatori e il 13,39% di share.

Gianmarco e Aurora sono stati sicuramente la coppia della prima puntata, lui innamoratissimo della sua Aurora si è trovato prontamente deluso dall’audacia della giovane fidanzata, espansiva, forse troppo, nei confronti del tentatore pronto a svolgere alla perfezione il suo ruolo. Gianmarco non è riuscito a trattenere la rabbia nei confronti della fidanzata e medita di abbandonare il gioco.

La prossima puntata però sembra avere tutte le carte in regola per essere piena di colpi di scena, uno su tutti quello che compirà Salvatore, fidanzato di Teresa, infatti il calciatore siciliano non riuscirà a sopportare la distanza, al punto da scavalcare il traliccio che li separa e tentare di raggiungere il villaggio delle fidanzate. Chi crederebbe oggi che sia Salvatore che Teresa sono stati tentatori del programma appena l’anno scorso?

Le altre reti hanno trasmesso su Rai 2 Coppie in attesa che ha registrato 1.149.000 telespettatori e il 4,99% di share. Su Rai 3 Vedi chi erano I Beatles – I Beatles in Italia ha registrato nella presentazione 1.291.000 telespettatori, share 5,52% e nel programma 1.405.000, 6,96%. Sulle reti Mediaset Il film Ghost Rider – Spirito di vendetta trasmesso da Italia 1 ha registrato 2.100.000 telespettatori, share 9,11%. Su Rete 4 Il Commissario Schumann ha registrato nella prima puntata trasmessa 1.158.000 telespettatori, share 4,86% e nella seconda 768.000, 3,97%. Chiude LA7 con La moglie di un uomo ricco che registra 987.000 telespettatori, share del 4,32%.

About Giuliano Castagna

Nato in Sicilia 25 anni fa in una delle province siciliane meno note, decide all’età di 19 anni di trasferirsi nella capitale. La passione, a tratti spasmodica, per la televisione, mezzo di comunicazione seguito da sempre, lo porta a laurearsi in Comunicazione prima e far un master in scrittura televisiva poi. Sogni nel cassetto? Fare l'autore televisivo.

One Comment

  1. Rossella

    giugno 26, 2015 at 11:54

    Il titolo non mi sembra affatto aderente alla realtà. Questo programma è altamente trash proprio perché è concepito come una sorta di laboratorio in cui si maneggia materiale umano. D’altro canto chi partecipa ne è consapevole. E’ anche vero che per completezza dell’informazione andrebbero inseriti uomini e donne che restano fedeli al loro istinto. Nella vita reale l’uomo non sarebbe mai disposta a stare accanto ad una donna competitiva perché se ha una personalità risolta non riesce a vederla come una donna. Questo accade perché riconosce che il suo istinto (l’istinto sessuale) e diverso dall’istinto materno. L’uomo riconosce che la sua natura è molto corrotta: gli uomini sono veramente sporchi. Secondo me ci vuole coraggio (e cuor di ferro) per reclamare la parità. Già è tanto riuscire a farli ragionare… ma non devono sbagliare mai. Un uomo che sbaglia nel 2015 è fuori… essere tolleranti significa non avere la minima idea di quello che c’è fuori dalle nostre porte. Le donne da quando si è cominciato a parlare di escort vengono ghettizzate. Nel nostro paese non ha senso parlare di legalizzazione della prostituzione perché gli uomini non cercano sesso. Il fulcro della storia è dato da quel viso truccato a metà… praticamente ci si potrebbe scrivere un film. Questa è la storia di tante ragazze che non assomigliano neanche lontanamente allo stereotipo della escort e che alimentano le fantasie di uomini che non rispettano le donne. Sono storie di disagio, di famiglie lontane e figli da mantenere in un mondo in cui la femminilità non è ben vista. Accade quindi che questi uomini, spesso sposati, riescono a colmare le lacune di una società in cui la donna della porta accanto appare come un soggetto debole. L’altra, la moglie, incarna lo stereotipo della escort che vive per sé stessa quando in realtà è appena la donna che si sono scelti e che dovrebbero amare per quello che è.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *