Gianna Nannini attaccata da Imma Battaglia: lo sfogo

By on luglio 14, 2017
foto Gianna Nannini

Imma Battaglia si scaglia contro Gianni Nannini: perché?

La rocker e musicista italiana Gianni Nannini qualche giorno fa ha deciso di sposarsi. La sessantunenne toscana ha dichiarato di convolare a nozze civili con la compagna Carla a Londra. Madre della piccola Penelope, nata sette anni fa a Milano, Gianna Nannini nella sua autobiografia “Cazzi Miei” ( edita da Mondadori ) racconta del suo trasferimento nella città britannica con la donna della sua vita poiché in Italia non vi sono leggi che garantiscano di sapere cosa succederebbe a Penelope se da un giorno all’altro la cantante morirebbe. Una dichiarazione forte contro il nostro Paese che ancora si ostina ad affrontare con serietà il tema dell’adozione del figlio del partner. Sicuramente in Inghilterra Gianni Nannini sarà rispettata nei suoi diritti umani di mamma anche se la cantante non esclude, un giorno, di ritornare a vivere in Italia. Il desiderio è quello di sentirsi famiglia. Queste dichiarazioni spontanee della cantante non sono piaciute né sono state accolte bene da alcune persone del mondo LGBT, tra cui Imma Battaglia compagna dell’attrice Eva Grimaldi, soprattutto perché la Nannini non ha mai fatto un vero e proprio coming out e non si è mai battuta per i diritti civili.

“Gianna Nannini dovrebbe solo vergognarsi”: le dure parole di Imma Battaglia

La nota attivista per i diritti LGBT Imma Battaglia ha attaccato duramente la cantante Gianni Nannini accusandola di non aver mai combattuto per l’affermazione dei diritti LGBT, dopo le sue dichiarazioni di non sentirsi tutelata dalla legge del nostro Paese. La Battaglia è un fiume in piena durante un suo intervento a Radio Cusano Campus dichiarando:

“La sua posizione è tardiva. Da anni conosciamo le sue amanti e le sue fidanzate. Non ha mai fatto niente, nessun tipo di attivismo per le lotte che noi abbiamo fatto, ora dice che la legge in Italia non la tutela. Ma chi sei, ma chi ti credi di essere?”.

La leader del movimento LGBT in Italia ritiene che la cantante Gianna Nannini non è mai scesa in piazza per difendere i diritti delle coppie gay se non parlandone per la prima volta quando il fatto ha finito per riguardarla in prima persona. Inoltre Imma Battaglia spera che, dopo queste dichiarazioni, la gente boicotti la cantante e che nessuno vada più ai suoi concerti.
Arriverà una replica da Gianna Nannini?

About Marco Santoro

Nato il 14 Ottobre 1992, è laureando in Scienze e Tecniche Psicologiche presso l'Università Kore di Enna. Appassionato di televisione, radio, spettacolo e scrittura. Ha prodotto e condotto diversi programmi radiofonici tra cui "Generazione Talenti", ricco di interviste a grandi personaggi della musica. Ha fondato e cura i siti di un'associazione culturale e musicale, di un'orchestra siciliana e di un cantante italiano. È impegnato nella presentazione di diversi spettacoli e in attività manageriali.

2 Comments

  1. Renato

    luglio 14, 2017 at 16:11

    parlare di coming out nel 2017 è roba da antenati purtroppo siamo in Italia dove bisogna giustificare l’orientamento sessuale. la battaglia farebbe bene a tacere

    • Giuseppe

      luglio 17, 2017 at 09:50

      In Italia parlare di orientamento sessuale è ancora tabù. La Battaglia si becca migliaia di insulti omofobi per far progredire questo paese a nome di tutta la comunità lgbt. Faresti meglio a tacere tu

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *