X


La prova del cuoco, 20 gennaio 2015: i piatti del ricco mezzogiorno di Antonella Clerici

Scritto da , il Gennaio 20, 2015 , in Programmi Tv Tag:,
La prova del cuoco 20 gennaio 2015

Superato indenne il terrificante lunedì, siamo di nuovo in forma per assistere a una nuova e gustosissima puntata de La prova del cuoco. Come promesso da Antonella Clerici in tempi non sospetti, il mondo del web si è fuso con quello della tv e ha portato sul teleschermo le ricette della blogger Alessandra Pellegrino. Innovazione contro tradizione: una sfida all’ultimo ingrediente sulla caponata, grande classico della cucina italiana. Contesa finita in parità e appuntamento rinnovato per la prossima settimana, nella quale assisteremo a una nuova gara di Anna 2.0 (le ricette de La prova del cuoco del 19 gennaio 2015 sono presenti cliccando qui).

Rimaniamo in tema di ricette e diamo una sbirciatina alle altre ricette presentate ieri in tv. Tradizione del lunedì, la presenza di Ambra Romani tra i fornelli di Dolci dopo il Tiggì. L’istrionica chef-pasticcera ci ha insegnato a preparare una favolosa blueberry cheesecake. Caterina Balivo e gli amici di Detto Fatto buttano invece un occhio alle intolleranze alimentari e ci regalano la ricetta dei cantucci senza glutine, unita alla classica pizza gourmet.

Spostiamoci ora direttamente a Mediaset, per scoprire cos’ha preparato la dolce Samya Abbary nel corso della puntata di Mattino Cinque. La bellissima cuoca di Canale 5 si è cimentata nella preparazione della schiacciata fiorentina: un grande classico da non lasciarsi scappare! Tessa Gelisio e il suo Cotto e Mangiato ci regalano invece uno spunto su come tenerci in forma, con la preparazione dell’insalata di spinaci, patate e fagiolini. Scopriamo ora insieme quali sono le ricette de La prova del cuoco del 20 gennaio 2015.

[imagebrowser id=14105]

Zuppa d’orzo di Anna Moroni. Ingredienti: 300 g d’orzo perlato, 150 g di speck, 200 g di cipolle, 2 patate, prezzemolo, carota, sedano, porro, aglio, mezzo cucchiaio di estratto di carne, pepe, sale e olio. Tritiamo sedano, carota, cipolla e un porro e facciamo rosolare con lo speck tagliato a dadini. Aggiungiamo le patate tagliate a pezzetti. Laviamo bene l’orzo e cuociamo nel brodo vegetale. Una volta completata la cottura, uniamo l’orzo alle verdure.

Manzo all’olio con patate fondenti di Andrea Mainardi. Ingredienti: 1 kg di cappello del prete, 1 carota, 1 gambo di sedano, 1 cipolla, 1 spicchio d’aglio, 2 acciughe dissalata, 30 g di pangrattato, 2 dL d’olio extravergine d’oliva, 3 dL di vino bianco, 1 mazzetto di prezzemolo, 4 patate, sale e pepe q.b. Ingredienti per il brodo di carne: 2 L d’acqua, 2 carote, 2 cipolle, 2 gambi di sedano, 1 osso di manzo, 1/2 kg di polpa di manzo, 2 patate, sale q.b. Prepariamo il il brodo nella maniera classica con sedano, carota e cipolla, facendolo cuocere per almeno 4 ore. Facciamo rosolare sedano, carota e cipolla con due acciughe dissalate. Facciamo insaporire bene e aggiungiamo il cappello del prete e un bicchiere di vino bianco, senza farlo sfumare completamente. Uniamo il pan grattato e via via bagniamo con il brodo. Lasciamo cuocere per due ore. Sbucciamo le patate e tagliamole abbastanza spesse per il lungo. Sistemiamo le patate a fette in una teglia da forno e bagniamo le patate con il sughetto ottenuto dalla cottura del manzo. Mettiamo in forno a 150-160°C per 40′. Frulliamo il sughetto di cottura della carne e impiattiamo il manzo all’olio con le patate e la sua crema.

Spaghettoni con vongole e carciofi alla mentuccia di Antonella Clerici. Ingredienti: 320 g di spaghettoni, 3 carciofi, il succo di mezzo limone, 1 mazzetto di mentuccia, aglio in polvere, 100 g di vongole sgusciate, vino bianco, olio extravergine d’oliva, sale e pepe. Iniziamo a cuocere la pasta in acqua bollente e salata. Intanto, mondiamo i carciofi e tritiamo la mentuccia. Facciamo aprire le vongole con poco olio e cuociamo i carciofi in una pentola alta con la mentuccia e l’olio. Scoliamo la pasta direttamente sulle vongole, quindi uniamo i carciofi cotti e tagliati a pezzetti. Guarniamo con qualche foglia di mentuccia.

Mezzalune di patate con cuore al cavolo nero di Sergio Barzetti. Ingredienti per 4 persone: 300 g di patate lessate e schiacciate, 100 g di farina di farro, 100 g di farina di grano tenero, 1 uovo, sale e noce moscata q.b. Per il ripieno: 500 g di cavolo nero, 80 g di pecorino di Pienza, olio extravergine d’oliva, 1/2 acciuga sott’olio, alloro. Per il condimento: 80 g di pecorino di Pienza, 60 g di mandorle con la pelle, 4 cucchiai d’olio extravergine d’oliva. Puliamo il cavolo nero, privandolo della costa centrale. Sbollentiamo il cavolo nero in acqua e alloro per circa 6′. Scoliamo, strizziamo e tritiamo finemente. Teniamo da parte l’acqua di cottura. Spadelliamo per qualche minuto con un filo d’olio e l’acciuga. Condiamo con il pecorino grattugiato fine e teniamo da parte. Lavoriamo le patate schiacciate con l’uovo, il sale, la noce moscata e le farine. Uniamo il composto col cavolo nero. Lasciamo riposare per 10′. Stendiamo la pasta abbastanza spessa, tagliamola in tanti dischi con un coppa pasta e spennelliamo con l’albume d’uovo. Farciamo ogni disco con una cucchiaiata di ripieno. Chiudiamo a mezzaluna, praticando una certa pressione le dita e lasciamo asciugare su un vassoio infarinato. Cuociamo le mezzalune nell’acqua di cottura del cavolo nero, scoliamo e mantechiamo in una padella con olio e acqua di cottura.

Tagliatelle integrali al ragu di seitan di Marco Bianchi. Ingredienti: 500 g di tagliatelle integrali, 750 g di seitan naturale, 6 cucchiai di triplo concentrato di pomodoro, 600 mL di passata di pomodoro, 15 pomodori datterino, 2 cipollotti, paprika affumicata q.b., 9 cucchiai d’olio extravergine d’oliva, pepe nero macinato q.b., sale q.b. Frulliamo insieme il seitan e il cipollotto, senza tritare troppo finemente. Intanto, tagliamo i pomodorini in 4 e mettiamoli in padella. Uniamo il trito di seitan e il concentrato di pomodoro. Uniamo infine l’olio e la paprika affumicata. Lasciamo bollire dolcemente per 20′. Mettiamo a bollire le tagliatelle e condiamo con il ragu di seitan.