X


Chi l’ha visto? Anticipazioni 4 marzo. Caso Roberta Ragusa: Antonio Logli a processo?

Scritto da , il Marzo 3, 2015 , in Personaggi Tv Tag:, ,
foto di Federica Sciarelli

Domani sera alle 21.10 su Rai3 nuovo imperdibile appuntamento con “Chi l’ha visto?”, il programma che da oltre 25 anni si dedica a casi di scomparsa, efferati omicidi, gialli insoluti e misteri irrisolti di ogni genere, condotto con successo dalla bravissima Federica Sciarelli e trasmesso dalla sede RAI di via Teulada 66 a Roma. Cronaca nera, delitti e sparizioni al centro di ogni appuntamento, spesso documentati anche a Quarto Grado, il programma di approfondimento giornalistico targato Videonews e trasmesso su Rete4 il venerdì sera, con Gianluigi Nuzzi e Alessandra Viero (scopri cliccando qui i casi trattati nella puntata andata in onda il 27 febbraio).

Ampio spazio domani sera a “Chi l’ha visto?” al caso di Roberta Ragusa: dopodomani si terrà l’udienza per decidere se Antonio Logli, accusato di omicidio e distruzione di cadavere, dovrà essere processato. L’uomo si è sempre dichiarato innocente, asserendo che la notte tra il 12 e il 13 gennaio 2012 la moglie si sarebbe allontanta da casa volontariamente: un’ipotesi non supportata da alcuna prova, ma smentita invece da numerosi indizi che inchiodano Logli, tra cui le dichiarazioni di alcuni testimoni oculari.

Non mancheranno poi gli aggiornamenti sulla misteriosa sparizione di Guerrina Piscaglia: i carabinieri di Badia Tedalda e Arezzo stanno cercando la donna nei territori situati nei dintorni di Ca’ Raffaello, frazione dalla quale Guerrina è scomparsa misteriosamente. Per le ricerche vengono utilizzati anche i georadar. La sorte della 50enne rimane comunque avvolta nel mistero.

Questi e molti altri casi, domani in prima serata con Federica Sciarelli a “Chi l’ha visto?” su Rai3 (clicca qui per saperne di più sull’omicidio di Ilaria Alpi a Modagiscio, in Somalia, avvenuto il 20 marzo 1994 e documentato nella puntata precedente). E alle 23.30 circa, come sempre, appuntamento con il segmento dedicato alle “storie” e curato da Giuseppe Rinaldi. Da non perdere.