X


Simona Ventura: la grande assente dei palinsesti televisivi degli ultimi anni

Scritto da , il Luglio 17, 2015 , in Personaggi Tv Tag:,

E’ stata per anni la regina incontrastata di programmi di sport, intrattenimento, reality: da qualche anno però l’assenza nella Tv pubblica di un personaggio come quello dell’amata e criticata conduttrice Simona Ventura, indubbiamente si sente. Sanremo giovani, Festivalbar, Matricole, L’Isola dei famosi, Quelli che il calcio, Miss Italia, Music Farm, Le iene, Mai dire gol, sono solo alcuni dei programmi di enorme successo che hanno visto la Ventura in veste di conduttrice.

Da qualche anno però molti suoi fan e non solo si chiedono il perché dell’abbandono del timone di programmi storici, in particolare Quelli che il calcio e L’isola dei famosi, condotti nelle loro ultime edizioni rispettivamente da Nicola Savino e Alessia Marcuzzi, e soprattutto il perché del passaggio, dopo decenni, dalla televisione pubblica a quella privata, nella fattispecie Sky. Non vi è mai stata una comunicazione del tutto ufficiale da parte della conduttrice nella quale spiegasse le motivazioni che l’hanno portata a questo cambio di rotta.

Di recente però, ospite della trasmissione di Massimo Giletti “I Duellanti”, la vulcanica Simona Ventura si è tolta più di qualche sassolino dalla scarpa. Ecco, in breve, cosa ha dichiarato durante l’intervista rilasciata a Giletti:“Sono sempre voluta stare lontano dalla politica e dai meccanismi della politica per ciò che riguardava il mio lavoro. Ho sempre tenuto alla mia indipendenza e alla mia libertà, mi sono sempre rifiutata di sottostare a certe logiche. Forse ho pagato le conseguenze della mia libertà”.

La Ventura, classe 1965, bolognese, esordisce in Rai nel 1988, per poi passare a Mediaset qualche anno dopo. Nel 1992 però riesce ad ottenere uno spazio all’interno del programma Domenica sportiva, trasmissione del palinsesto Rai dedicata al calcio nella quale, fino a quel momento, la presenza femminile era sempre stata molto marginale. Dopo vent’anni di televisione pubblica, nell’estate del 2011 decide di passare a Sky Italia, da cui però uscirà due anni dopo, dichiarando di voler lavorare a progetto e di non voler più legare la propria immagine ad un network televisivo in particolare.